Morosetti e Caimmi: due mostre per due artisti jesini | | Password Magazine
Banner4Baffi

Morosetti e Caimmi: due mostre per due artisti jesini

CASSIO MOROSSETTI UNA VITA DA UMORISTA

Sarà inaugurata sabato 15 settembre, alle ore 18.00, presso la Sala maggiore del Palazzo dei Convegni di Jesi, la mostra “Cassio Morossetti. Una vita da umorista” organizzata e promossa dal Gruppo Editoriale Informazione – Jesi con il patrocinio del Comune di Jesi.

La mostra espone le vignette originali, oltre a disegni e pagine del Corriere dei Piccoli, di Cassio Morosetti, noto disegnatore umoristico, autore televisivo e scrittore. Nato a Jesi nel 1922, vive attualmente a Milano. Per sua scelta, non torna a Jesi da circa quarant’anni: l’unico collegamento con la città è la rivista Jesi e La sua Valle, con cui ha collaborato nei primissimi anni e di cui è oggi fedele abbonato.

“Morosetti, un altro motivo di orgoglio jesino – ha dichiarato l’assessore alla Cultura del Comune di Jesi Luca Butini – La mostra rappresenta per i cittadini l’occasione per entrare in contatto con le opere e la storia di un personaggio che è stato prigioniero di guerra, ha vissuto il fascismo e la città in un’altra epoca”.

La mostra sarà aperta al pubblico dal 15 al 26 settembre, dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 17.30 alle 20. Nei giorni delle Fiere di San Settimio, la mostra resterà aperta fino alle 23. All’inaugurazione, sarà offerta un aperitivo e data in omaggio la riedizione del libro di Cassio Morosetti Fascista nell’orto dietro casa. 

a cura di Chiara Cascio 

SI INAUGURA LA MOSTRA SU PAOLO CAIMMI

Sarà inaugurata sabato prossimo, alle ore 18, a palazzo dei Convegni in corso Matteotti, la mostra sull’artista jesino Paolo Caimmi, sostenuta dalla Banca Popolare di Ancona e realizzata in collaborazione con i Musei Civici di Jesi. L’evento espositivo, intitolato “Ludico, laidico realfinzionico”, rende omaggio alla figura artistica di Caimmi, recentemente scomparso, con l’esposizione di 24 dipinti a tecnica mista, che documentano lo sguardo ironico attraverso il quale egli filtrava la realtà, offrendo allo sguardo dello spettatore la sua idea disincantata e surreale del mondo e dell’accadere delle cose.
Per Caimmi, come si legge nella presentazione di Simona Cardinali, curatrice della sezione di arte contemporanea della Pinacoteca Civica, “…ogni cosa è pronta per essere riposta in una scatola (…) che la nostra parte infantile cerca di riaprire per curiosarci dentro e giocare combinmandone i pezzi secondo le leggi istintive e pure dell’immaginazione”.
La mostra su Paolo Caimmi, curata da Loretta Liuti, sarà visitabile nel seguente orario: mattino 10-13, pomeriggio 17-20 con chiusura il lunedì.

comunicato da Comune di Jesi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.