Morto il falco pescatore preso a fucilate: «Animale raro, è una tragedia» | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Morto il falco pescatore preso a fucilate: «Animale raro, è una tragedia»

Il falco pescatore curato dal dott. Tiroli

JESI – È morto il falco pescatore rinvenuto qualche giorno fa gravemente ferito da arma da fuoco.

Il falco era stato trovato dentro l’Oasi di Ripa Bianca da due volontarie che lo hanno consegnato nelle mani del dott. Gianluca Tiroli, medico veterinario ed esperto di rapaci: era stato portato poi per le cure al C.R.A.S. delle Marche, colpito lateralmente da una rosa di pallini da caccia che gli avevano procurato la rottura di un’ala e gravi ferite ad un occhio.

«Una tragedia immane, si trattava di animale estinto in Italia dal 1929 che si sta riproducendo di nuovo da 8 anni in Toscana- racconta il dott. Tiroli -. Purtroppo, non c’è stato nulla da fare. Il rapace è morto per una necrosi dell’ala gravemente ferita».

«Un gravissimo ed ignobile attentato alla biodiversità» avevano detto le associazioni Amici animali Osimo, Enpa Marche, Italia Nostra Marche, Lac Marche, Lav Marche, Lipu Marche, Lupus in Fabula, Pro Natura Marche, WWF Marche che avevano sporto denuncia contro ignoti, offrendo una ricompensa di 1.000 euro per chiunque avesse fornito indicazioni in grado di risalire al cacciatore autore del gesto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.