Mov 5 Stelle Jesi, l'attacco al sindaco: "Negli ultimi anni tassazione da record"

JESI – Il M5S Jesi lancia un attacco al Primo cittadino Massimo Bacci sull’aumento “da record” delle tasse imposte da questa Amministrazione.

“Gli aumenti delle tariffe TARI emersi dalla stampa sono solo l’ultima puntata di un percorso tracciato da questa Amministrazione cittadina/commercialistica che denunciamo da anni: tassazione record, partecipazione ai minimi storici, trasparenza quasi inesistente – si legge in una nota stampa – Riteniamo che l’esperienza sedicente civica (copia più o meno brutta di quella partitica) possa bastare”.

Secondo i grillini   “anche Jesi ha bisogno di un’amministrazione a 5 stelle che preveda un’inversione di rotta in tutti i settori”. Tutto questo, si apprende dalla nota, consisterebbe nel dare un’equa reditribuzione della “ricchezza” ed un aiuto concreto ad esempio con il reddito di cittadinanza comunale alle innumerevoli persone che si trovano in difficoltà per aver perso il lavoro; permettere ai cittadini di incidere realmente nelle decisioni, incluse quelle riguardano come vengono spesi i nostri soldi, utilizzando strumenti implementabili come il bilancio partecipato o gli istituti di partecipazione già previsti nei regolamenti, purtroppo mai aggiornati;  informatizzazione delle procedure amministrative e tracciabilità dei procedimenti, come avevamo fatto deliberare dal Consiglio all’inizio della legislatura, come previsto dalle norme, e come mai realizzato da questa amministrazione”.

“Record di tasse; record di mancata partecipazione; record di scarsa trasparenza: ci sono tanti record di cui Bacci non parla mai… Perché su questo non ha fatto i manifesti? – incalza il Mov 5 Stelle – Davanti a questa realtà, appare infatti quantomeno inopportuno tapezzare la città (per altro a spese nostre) per propagandare vacui o inesistenti risultati, quando sulle questione cruciali il promesso “cambiamento” pare non sia stato affatto… in meglio”.

 

Comunicato da: Movimento 5 Stelle Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*