Movida, il sindaco: «Contro gli eccessi se ne esce tutti insieme» | Password Magazine
Festival Pergolesi

Movida, il sindaco: «Contro gli eccessi se ne esce tutti insieme»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Uno degli scatti pubblicati sui social dai residenti. La foto è stata scattata dopo l'orario di chiusura dei locali fissato per le 2.

JESI – «Dalle problematiche riscontrate sabato sera in centro se ne esce tutti insieme: pubblici esercizi, forze dell’ordine, Comune ma anche cittadini. E presto sarà organizzato un incontro per studiare possibili soluzioni». Così il sindaco Massimo Bacci dopo le lamentele dei residenti uscite sulla stampa: «Intanto un plauso alle forze dell’ordine che hanno compreso le nostre aspettative e hanno garantito una presenza importante nel centro storico durante l’ultimo fine settimana. Un grazie al personale di JesiServizi impegnato nelle operazioni di pulizia dopo la nottata di sabato: sono andato personalmente a fare un giro in centro domenica mattina e non ho trovato situazioni di criticità. Se del caso, e lo valuteremo insieme a JesiServizi, aumenteremo anche il numero delle squadre per tale operazione. Vanno trovati anche spazi pubblici per aumentare la dotazione dei servizi igienici, fermo restando il limite tra legittime esigenze e la maleducazione.

Apprezzo la disponibilità dei titolari degli esercizi pubblici che hanno preso atto che sono loro stessi gli attori principali della vivacità del centro storico e in tale veste sono certo che si adopereranno per una sempre maggiore assunzione di responsabilità per vivere la movida senza assembramenti né eccessi. Anche perché si è capito che è cambiata l’anagrafica di coloro che vivono il centro fino a tardissima notte: sono per lo più giovanissimi che cercano una alternativa alle discoteche che sono state chiuse. Verso di loro occorre progettare iniziative di educazione civica.

Triste registrare polemiche di talune forze politiche che provano a strumentalizzare un problema sociale scaricando sul Comune colpe che vanno ricercate altrove. Ma onestamente questo è l’ultimo aspetto che ci interessa».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.