Movida post quarantena: «Più responsabilità dai giovani» | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Movida post quarantena: «Più responsabilità dai giovani»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine d'archivio

JESI – Un bilancio del primo sabato sera post quarantena? È andato bene ma non benissimo. Tante le persone a passeggio, la maggior parte con la mascherina, attirate dai ristoranti e dai locali aperti.  C’è chi indossa la chirurgica o la Ffp2 fino a quelle più fashion e colorate. Più difficile invece mantenere il distanziamento sociale negli spazi all’aperto. E piccoli assembramenti in piazze e vie non sono sfuggiti agli sguardi di attenti osservatori.

«Nonostante gli esempi visti in altre città italiane, a Jesi, stanotte, si mostra la replica – ci segnala un residente del  centro storico indignato – e senza un minimo di controllo, o meglio, la Polizia municipale ha vigilato fino alle 21.30/22 poi il nulla».

Sarebbero sopratutto i ragazzi a non prestare troppa attenzione al metro di sicurezza. E non solo in centro storico. Ce lo segnala un altro lettore in un commento:

«Ore 24 di sabato, i giardini pubblici di Jesi fanno il pienone, tutti ragazzi e ragazze di 16 e 17 anni, in gruppi sparsi vicini che più non si può, di mascherine neppure l’ ombra. Speriamo che il virus sia lontano o sbiadito, altrimenti non vorrei essere il genitore o la nonna di questi ragazzi. Fine pandemia così hanno decretato i giovani con il beneplacito di chi ha responsabilità e non se le assume».

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.