Movida, stop alle 24: controlli su tutto il territorio provinciale | Password Magazine
Festival Pergolesi

Movida, stop alle 24: controlli su tutto il territorio provinciale

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Una pattuglia dei carabinieri nel centro di Jesi

ANCONAControlli sulla movida hanno interessato tutto il territorio della provincia di Ancona. Pattuglie di Polizia, carabinieri e Guardia di Finanza congiuntamente sono intervenute nelle piazze e nei luoghi che raccolgono più giovani il fine settimana, con accertamenti proseguiti per tutta la notte.

Ad Ancona «non sono state riscontrate criticità – si legge in una nota della Polizia di Stato – Sono stati controllate circa 60 persone di cui 19 stranieri ed elevate due sanzioni, da parte dei Poliziotti della Divisione Amministrativa, a due uomini che non indossavano la mascherina. La situazione riscontrata è stata che tutti indossavano i dispositivi di protezione e i commercianti hanno rispettato la chiusura prevista dal DPCM».

movida (6)
Immagine di repertorio

Anche a Jesi movida spenta alle 24, con locali e ristoranti che hanno abbassato la serranda allo scoccare della mezzanotte. Niente bere o mangiare in piedi, tutti seduti nei bari fino all’ora X compre previsto dal nuovo Dpcm: poi musica e luci si sono spente, i tavoli sparecchiati, le porte si sono chiuse. Il tempo per i gestori di riassettare, mettere in ordine, pulire e sanificare e tutti a dormire. Pattuglie di Carabinieri e Polizia di Stato hanno effettuato controlli nelle piazze e per le strade fino a tarda notte, accertando che nessuno trasgredisse le regole: locali chiusi, distanziamento, mascherine obbligatorie. Gruppo di giovani sono rimasti comunque a conversare all’aperto ma anche quella poteva diventare una situazione a rischio. «Cortesemente, dovete muovervi. Dobbiamo evitare gli assembramenti» è la raccomandazione fatta delle forze dell’ordine, scese a piedi tra la gente, invitandole persone a  non accalcarsi e a mantenere le distanze.

1 Commento su Movida, stop alle 24: controlli su tutto il territorio provinciale

  1. quindi i controlli, si potevano fare anche per le scorse fine settimane, invece di far ridurre le città in latrine, e disturbare tutto il centro storico fino alle luci dell’alba.
    basta minacciare, la denuncia verso il primo cittadino, e quasi tutto si risolve come per magia.
    gli unici che ci rimettono sono i baristi

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.