Movimento 5 Stelle Jesi: "Maggioranza arrogante e non predisposta al dialogo" | | Password Magazine

Movimento 5 Stelle Jesi: “Maggioranza arrogante e non predisposta al dialogo”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Comportamenti che annientano il confronto tra maggioranza e minoranza in Consiglio»: è l’accusa lanciata dal Movimento 5 Stelle all’Amministrazione comunale durante la conferenza stampa di stamani presso lo Spazio 5 Stelle.

Si tratta di accuse mirate quelle tirate in ballo dall’attuale Consigliera comunale Claudia Lancioni, che evidenziano in primis “la poca comunicazione” tra le varie forze politiche e di seguito, “la completa indifferenza” per le proposte e richieste presentate: «C’è una totale chiusura nei confronti della minoranza e una non curanza delle varie proposte e mozioni da noi fatte, come quella per il bando delle associazioni, la questione della torre Erap o le richieste dei bilanci della Fondazione Pergolesi Spontini mai arrivati».

Il Movimento 5 Stelle chiede trasparenza a questo Bacci bis: «Abbiamo inoltre notato delle differenze tra il primo e il secondo mandato della giunta Bacci – commenta l’ex capo gruppo Massimo Gianangeli – Atteggiamenti ottusi ed arroganza politica portano a delle problematiche che vanno soltanto a discapito dei cittadini, producendo tensione cittadina. Quello che noi facciamo, lo facciamo per la città di Jesi, perché crediamo nel movimento e nel bello della politica».

Dunque, polemiche a trecento sessanta gradi da parte dei grillini che hanno voluto evidenziare le varie proposte fatte, come la mozione per il bando delle associazioni, bocciata perché ritenuta inutile e impresentabile: «Si tratta di un bando che doveva essere fatto sin dal primo mandato – commenta la consigliera Lancioni – o, in merito alla Torre Erap, di segnalazione di incongruità fra le tesi dell’Amministrazione comunale e quelle di alcuni cittadini residenti, ovviamente non prese in considerazione. Ci sta pensando infatti la Finanza in questi giorni a mettere chiarezza nell’accaduto, forse quest’ultimo passaggio se lo sarebbero potuti risparmiare se solo ci avessero ascoltati» commenta la consigliera.

Stessa linea di pensiero, secondo i grillini, per il negato referendum in merito allo spostamento del monumento a Pergolesi e alla valutazione dei lavori prima del via onde evitare qualsiasi problema, vista la fragilità della statua. Ma la situazione più critica la riscontrano nella situazione della Fondazione Pergolesi Spontini: «Più volte abbiamo cercato di mettere mano ai bilanci della Fondazione, senza riuscirci, dovendoci accontentare  delle rassicurazioni del sindaco, nello stesso momento in cui i biglietti devono essere rimborsati, i dipendenti si vedono tagliati lo stipendio ed è in corso un contenzioso con lo Sferisterio di Macerata per la Traviata».

«È dal 2014 che cerchiamo di far chiarezza sulla questione Fondazione Spontini – afferma Gianangeli – e quando finalmente ci sono arrivati i partitari, la voce delle causali era oscurata. Si deve affrontare la questione e non soltanto attraverso i media, ma in consiglio comunale nella maniera più trasparente possibile».

Altra questione affrontata dai grillini riguarda il Meetup Spazio Libero che sta attaccando con accuse infondate il Movimento 5 Stelle, arrivando ad una situazione quasi più insostenibile. La consigliera è esasperata per questi comportamenti e chiede semplicemente un confronto a quattro occhi per cercare di evitare le vie legali: «Abbiamo ricevuto accuse sul ritardo nella nomina del candidato sindaco, quando sapevano benissimo che finché la lista non fosse stata certificata, non si poteva dare il nome. Altro dito puntato quello contro l’ex capo gruppo: ignobile il recente attacco contro Massimo Gianangeli, attivista del gruppo del M5S jesino, basato su notizie false o fuorvianti come, guarda caso, false erano le segnalazioni che a suo tempo qualcuno aveva inviato allo Staff di Grillo per tentare invano di ostacolare il suo lavoro e le sue battaglie. Per tutta la campagna elettorale ci hanno fatto esasperare, attaccando persone che nemmeno conoscono e andando a screditare persone che mettono il cuore nel Movimento come Massimo Gianangeli e Romina Pergolesi. Vorrei quindi chiarire che noi e il Meetup siamo due realtà distinte».

E per informare e divulgare la politica e i temi in cui il movimento crede, la consigliera regionale Romina Pergolesi invita la cittadinanza alla visione di un film-documentario dal titolo “O la troika o la vita” organizzato dal Movimento 5 stelle di Jesi e delle Marche, in programma per domenica 18 febbraio alle 17 presso il Circolo Cittadino di Jesi.

«Documentario di forte impatto diretto da Fulvio Grimaldi – sottolinea la Pergolesi – che affronta tematiche sociali a noi vicine quali la situazione dei terremotati, o la politica nazionale e locale per non continuare ad abbassare la testa difronte alle ingiustizie e oppressioni che vengono imposte ai cittadini».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.