Mov 5 Stelle Maiolati: "Digestato nell'Esino e lo scaricabarile"

MAIOLATI SPONTINI – Dopo il riversamento del 21 agosto scorso del digestato della centrale a biogas di Castelbellino nel fiume Esino, il Sindaco di Maiolati Spontini ha emesso un’ordinanza, il 24 agosto, che impone a proprietari e utilizzatori l’asporto del digestato dalla località oggetto dello sversamento e la bonifica del terreno.

“Con stupore abbiamo notato e filmato cisterne piene di digestato che nei giorni 12, 13 e 14 settembre, hanno poi disseminato nel medesimo terreno – scrive il M5Stelle di Maiolati Spontini in una nota stampa – Polizia Locale, Ufficio Tecnico e Forestale proprio oggi hanno accertato che non vi è bonifica certa. Abbiamo quindi contattato il Sindaco chiedendogli cosa intendeva fare e ci ha assicurato di aver preso provvedimenti affinché lo sversamento venga sospeso fino a quando Arpam e Asur attraverso analisi specifiche non accertino se l’ordinanza è stata rispettate”.

Sembrerebbe tutto a posto. “Invece no! – insistono i pentestellati – Domizioli ha richiesto l’intervento della Regione per sospendere le attività di scarico. Finché non vi sia certezza non siamo sicuri che quel terreno è bonificato e che il digestato è stato asportato sospendiamo l’attività di sversamento. Peccato che, ai i sensi della Delibera di Giunta Regionale 92/2014 è IL COMUNE che può disporre la sospensione dell’attività di spandimento motivandola adeguatamente. [cfr qui: http://www.norme.marche.it/Delibere/2014/DGR0092_14.pdf pag.28]”.

Il comunicato prosegue con alcune riflessioni:”Perché quindi, sulla base di quelle argomentazioni contenute nella lettera alla Regione, il sindaco ed il Comune di Maiolati non hanno esercitato le loro prerogative previste dalla legge e non hanno disposto la sospensione dello spandimento del digestato? Perche il Sindaco non fa rispettare le proprie ordinanze nel proprio territorio? Grazie a questo scaricabarile intanto continua indisturbato l’utilizzo del digestato della centrale biogas di Castelbellino nei terreni di Maiolati nonostante i citati gravissimi episodi di qualche settimana fa che hanno interessato l’Esino fin quasi alla foce, e nonostante risulti che il titolare dell’azienda sia stato già segnalato diversi mesi fa alla magistratura proprio per questioni inerenti l’utilizzo del digestato”.

Il M5S, nel proseguire nel compito di controllo e denuncia, incalza e conclude:”Il Sindaco è tenuto a fare rispettare la legge ed assumersi con determinazione questa responsabilità.E’ un dovere politico, morale e giuridico verso i cittadini tutti, a tutela dell’Ambiente, della Salute e dei loro diritti”.

Comunicato da: MOV 5 Stelle Maiolati Spontini

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*