Movimento 5 Stelle Maiolati, una mozione per il riciclo | | Password Magazine

Movimento 5 Stelle Maiolati, una mozione per il riciclo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – «Il prossimo Consiglio Comunale del 24 luglio giunge appena in tempo per smentire quanto da poco affermato da un anonimo segretario del PD di Moie e Maiolati, il quale, probabilmente “imbeccato” da altro meno anonimo amministratore, sosteneva che le minoranze di Maiolati non siano mai propositive». Queste le parole del gruppo consiliare del Movimento Cinque Stelle di Maiolati Spontini che, in data 12 luglio, ha presentato una mozione con la proposta «più concreta che il Comune di Maiolati possa mai realizzare in tema di ciclo virtuoso dei rifiuti: la mozione impegna innanzitutto l’amministrazione comunale a ritirare la folle proposta di candidatura, avanzata dal sindaco Domizioli in commissione ambiente a Jesi, del sito della discarica “La Cornacchia” per ospitare l’impiantistica per la gestione della FORSU (il cosiddetto “umido”) per il territorio dell’ATO2 di Ancona; un’impiantistica che non avrebbe altro effetto che aumentare le pressioni ambientali già presenti nel nostro territorio! Poi, soprattutto, la mozione impegna l’amministrazione a proporre, previo accordo con i Comuni e Soci di ambito CIS e Sogenus, la candidatura del sito della discarica “La Cornacchia” di Moie per ospitare l’impiantistica di selezione, riciclaggio, recupero e valorizzazione dei rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata per il territorio dell’ATO2 di Ancona: una proposta molto più “salutare” sia dal punto di vista ambientale che occupazionale!».

I dettagli della mozione saranno discussi nel prossimo consiglio comunale, ma essenzialmente essa si basa sui dettati normativi forniti dall’Unione Europea sin dall’emanazione della direttiva 2008/98/CE, sulle indicazioni fornite dal Testo Unico dell’Ambiente e sulle prescrizioni della Legge Regionale 24/2009, recepite anche dal vigente Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti: un insieme di leggi, norme e buon senso che stabiliscono i criteri di priorità nella gestione dei rifiuti, nel rispetto di una gerarchia che privilegia ovviamente la prevenzione, la preparazione per il riutilizzo e il riciclaggio, rispetto a qualsiasi forma di recupero energetico e allo smaltimento.

«Il Programma Ambientale delle Nazioni Unite ha elaborato fin da diversi anni fa alcuni studi che dimostrano come il riciclaggio dei rifiuti è uno dei settori più importanti in termini di potenzialità di sviluppo di occupazione, essendo stato stimato infatti che il settore del riciclo crea un numero 10 volte maggiore di posti di lavoro rispetto ai settori dello smaltimento e dell’incenerimento – spiega il Movimento Cinque Stelle – I benefici ambientali e occupazionali derivanti dalla gestione pubblica virtuosa dei rifiuti sono sotto gli occhi di tutti da anni (e ne abbiamo la riprova sia in Italia, perfino da comuni amministrati dal PD (!!), che all’estero con numerosi esempi), per cui è tempo che il nostro Comune intraprenda questa strada assumendosi le proprie responsabilità per un vero percorso di cambiamento».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.