Murale in via dell'Orfanotrofio, il progetto di Capolinea: «Restyling anche per la scalinata» | Password Magazine

Murale in via dell’Orfanotrofio, il progetto di Capolinea: «Restyling anche per la scalinata»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Un nuovo murale colora la città, questa volta in via dell’Orfanotrofio. Dall’inizio della strada, che con la sua caratteristica scalinata rappresenta uno dei punti d’accesso pedonali più frequentati da chi deve raggiungere il centro, ora si può ammirare l’opera di street art progettata e realizzata da Capolinea. Proprio sulla parte dell’edificio che ne ospita gli uffici, spunta la figura di un bambino che guarda lo smartphone mentre sullo sfondo è riconoscibile il disegno del gioco della campana.  «Si chiama Gioco in Gioco – fa sapere il coordinatore a capo del progetto Piero Guerriero di Capolinea – ed è un’iniziativa volta a riqualificare la zona ma anche a stimolare una riflessione». Il tema si ispira infatti ai giochi di strada che i bambini erano soliti praticare lungo la via, in contrasto con la rivoluzione tecnologica che segna la rottura con i tempi che furono: «Abbiamo immaginato l’incontro tra il passato e il presente – prosegue Guerriero -. Fa piacere che la nostra idea abbia destato l’interesse del vicinato». Il murale nasce dalla sinergia tra privati, con Capolinea in prima linea, supportata dai partner Caparol e Apotema Costruzioni, sostenitori (Asp Ambito 9, Dipartimento Dipendenze Patologiche – ASUR Area Vasta 2, Oikos, ATGTP, Cometech) e attività del luogo (Studio Commerciale Romagnoli, Fabio Romagnoli Ragioniere Commercialista, Vecchia Pizzeria, Rosso Intenso, Marco Gullo Termoidraulica) che hanno aderito con un contributo. L’iniziativa ha il patrocinio del Comune di Jesi.

Gioco-in-Gioco
Il team di Capolinea sulla scalinata di via dell’Orfanotrofio

Prossimo step del progetto Gioco In Gioco sarà la riqualificazione della scalinata che sarà ripulita e resa interattiva: «Molti bambini accompagnati da genitori e nonni si divertono ancora a contare i gradini – spiega Guerriero -. Per questo abbiamo pensato di applicarvi un abecedario discendente che però utilizzi un linguaggio moderno, in chiave 2020». Un nuovo modo di vivere la scala, dunque, giocando: «Anche in questo caso sarà importante la partecipazione dei privati,  il Comune sta già valutando il progetto – conclude l’ideatore -. Se il murale offre una riflessione, i gradini ci parleranno di identità. Entrambi saranno determinanti nel recupero della via».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.