Murales a San Giuseppe, i residenti chiedono di dipingere anche le altre facciate | | Password Magazine
Banner4Baffi

Murales a San Giuseppe, i residenti chiedono di dipingere anche le altre facciate

JESI – Piace molto (ed effettivamente non si riesce a togliergli gli occhi di dosso) il murales realizzato dallo jesino Federico Zenobi, insieme ai colleghi di Chiaravalle Nicola Canarecci e Corrado Caimmi. Piace a tal punto che i residenti hanno assistito ai lavori, complimentandosi con gli artisti e chiedendo addirittura di dipingere anche le altre facciate. Reazioni positive dunque per il trio di artisti: “Tanta curiosità per il soggetto, Clio, la musa della storia e della poesia, ripresa da un affresco della Pinacoteca di Palazzo Pianetti, e per le scritte: “La cittá non dice il suo passato, lo contiene come le dita di una mano, scritto negli spigoli delle vie” di Italo Calvino. Anche gli “echi” delle scritte sono stati oggetto di curiosità. C’è anche chi si è commosso ad opera completata. Gli abitanti della zona ci hanno chiesto se potevamo dipingere anche altre facciate, e abbiamo risposto che se con il Comune il progetto prosegue, per il 2017 sicuramente faremo altri interventi. Ci aspettavamo reazioni positive si, ma non cosi tante e non cosi all’unanimità! Questo è proprio quello che volevamo”. L’iniziativa, promossa da Jesi Cultura con lo sponsor Caparol Marche Color, Nacanco e Pittura Edile di Simone Goffi, interessa una delle zone della città di Jesi dove è facile riconoscere una spiccata vivacità multiculturale.  Il progetto prevede una serie di interventi artistici o meglio azioni ideate in collaborazione con le varie associazioni locali volte alla conoscenza del quartiere di San Giuseppe e pensate per scandagliare il tessuto socio-culturale del quartiere e meglio conoscerlo sotto vari punti di vista. Il nome scelto dal Servizio Cultura del Comune di Jesi e dall’artista Federico Zenobi per un progetto di arte urbana teso a riscoprire un luogo emblematico della città, in cui il deposito lasciato dalla storia, ovvero l’essere stato un antico borgo popolare e operaio, si innesta nella nuova realtà multietnica e globalizzata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.