Banner Aprile IH Victoria

Muro della gentilezza: «Tante adesioni ma attenzione: non è uno svuota-armadi».

JESI – Il muro della gentilezza realizzato all’Appannaggio, dove ciascuno può lasciare un proprio cappotto o soprabito negli appositi attaccapanni così da metterlo a disposizione di chi ne ha bisogno, sta riscontrando grande adesione da parte dei cittadini.

«È questa una ulteriore dimostrazione – spiega l’assessore ai servizi sociali Marialuisa Quaglieri – della grande solidarietà presente nella nostra comunità, sempre disponibile ad aderire ad iniziative di carattere umanitario». L’iniziativa segue quella avviata in molte altre città italiane e arricchisce un’offerta verso le persone più bisognose che è già di per sé elevata e distribuita su più fronti grazie all’Azienda Servizi alla Persona – vale a dire il braccio operativo del Comune di Jesi sul sociale – e alle altre associazioni di volontariato presenti sul territorio.

«Proprio per questa disponibilità diffusa – ricorda la Quaglieri – anche il muro della gentilezza va meglio organizzato. A tal fine è opportuno ricordare che non si tratta di uno svuota-armadi, ma di un punto dove poter lasciare un soprabito. E proprio per lo spirito di tale iniziativa, qualora gli attaccapanni fossero già tutti occupati, si invita i cittadini a rimandare ad un’altra occasione il proprio dono».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.