Museo Archeologico, l'apertura ritarda: Binci (PD) presenta un'interpellanza | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Museo Archeologico, l’apertura ritarda: Binci (PD) presenta un’interpellanza

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il consigliere comunale del PD Andrea Binci ha presentato quest’oggi un’interpellanza sui ritardi che si stanno accumulando nella realizzazione del nuovo museo archeologico di Jesi.

L’Amministrazione Comunale nella passata legislatura aveva deliberato di trasferire il museo archeologico di Jesi a Palazzo Pianetti per dare una maggiore visibilità e fruibilità dello stesso, in considerazione dell’importanza del museo non solo dal punto di vista culturale ma anche turistico. I lavori – pari ad una spesa di 480.263,91 euro con costi di allestimento pari a 230 mila euro già previsti nel piano delle opere pubbliche per l’anno 2017 – erano poi iniziati il 20 settembre 2016 (come risulta dalla documentazione di cantiere) “e per gli stessi – indica Binci nell’interpellanza –  era prevista una durata massima di 180 gg., con un termine ultimo di fine lavori nel mese di marzo 2017”. Il sindaco stesso, in un incontro con la stampa,  prima delle elezioni parlava di una possibile inaugurazione del museo a luglio, “visto l’avvicinarsi del periodo elettorale” sottolinea il consigliere del PD.

Nel documento, avente come oggetto la  “Realizzazione del nuovo museo archeologico di Jesi” considerando che  “ad oggi i lavori non si sono conclusi, ma stanno purtroppo accumulando un ritardo di sei mesi e non si ha una data certa per l’apertura; che in sede di approvazione dell’ultimo assestamento del bilancio per questo museo sono stati stanziati in conto investimenti ulteriori 100.000,00 euro, oltre a quelli previsti; che visto l’andamento dei lavori il nuovo museo archeologico rischia di diventare una nuova incompiuta, il cui costo finale continua ad essere aggiornato ” il consigliere comunale Binci chiede all’Amministrazione comunale di conoscere quando potrà essere inaugurato il nuovo museo archeologico; quanto si prevede costerà l’opera nel suo complesso; quanto dei fondi stanziati alla data odierna sono stati utilizzati”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.