Museo Archeologico, le antiche statue romane arrivano nella nuova sede | | Password Magazine

Museo Archeologico, le antiche statue romane arrivano nella nuova sede

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Museo archeologico verso l’apertura. Stamattina il trasloco dei reperti archeologici dai locali dell’ex San Floriano, in piazza Federico II, alle Scuderie di Palazzo Pianetti, dove avrà sede il nuovo museo. Nuova sistemazione dunque per il ciclo scultoreo d’età giulio-claudia, le statue acefale maschili e femminili elegantemente drappeggiate e i pregevoli ritratti di Augusto, Tiberio e Caligola, rinvenute per la prima volta nel XVIII secolo all’interno dell’antica cisterna romana.

A coordinare l’operazione il professore e scultore Massimo Ippoliti che, per la quinta volta, è tornato ad occuparsi del trasferimento delle statue.

Per permettere il trasporto, via XV settembre è stata chiusa al traffico all’altezza del complesso Corte Bettini e le auto sopraggiunte in piazza Pergolesi dirottate lungo Corso Matteotti con possibilità di uscita in via Mazzini o via Cavour.

Il nuovo museo sarà inaugurato il 15 dicembre:  restano alcuni ritocchi prima della grande apertura, come la sistemazione della targa, l’apertura della nuova biglietteria, al piano terra di Palazzo Pianetti, lo spostamento dei cassettoni della spazzatura di via XV settembre che al momento sono ancora appoggiati sulla facciata del nuovo museo che, ben presto, sarà restaurata dopo che l’incendio di un’automobile ne aveva danneggiato l’intonaco.

L’ingresso sarà lo stesso per la Pinacoteca e, con un biglietto unico, si potrà visitare tutto il polo culturale, dall’archeologia all’arte contemporanea.

Dal periodo paleolitico all’età romana, il percorso espositivo del Museo Archeologico sarà un viaggio tra circa 2 mila reperti provenienti da Jesi – aree urbane ed extraurbane, come i recenti ritrovamenti zone campo boario e fornace –  e dalla Vallesina, ammirabili da una passerella sospesa sopra un pavimento anch’esso archeologico, l’originale settecentesco, recuperato dopo la rimozione delle mattonelle posticce.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.