Museo Diocesano, una stanza per l’Imperatore

JESI – Da qualche settimana ormai , il Museo Diocesano condivide la piazza con un altro Museo, interamente dedicato all’Imperatore che vi è nato nel 1194, lo Stupor Mundi Federico II.

Quale modo migliore per festeggiare il ritorno dell’Imperatore, se non allestire una stanza per valorizzare lo stendardo realizzato per la Cattedrale da Luigi Mancini nel 1869, che rappresenta un altro fantomatico ritorno a Jesi di Federico II nel 1237?

E non era neanche il primo ipotetico rientro a Jesi di questo personaggio storico a cui la città è profondamente legata. Mancini qualche anno prima aveva già realizzato il sipario del Teatro Pergolesi, raffigurando l’ingresso in piazza del giovane Federico II nel 1216. Grazie alla collaborazione con la Fondazione Pergolesi Spontini, il Museo Diocesano ha in custodia anche una riproduzione del sipario, che insieme allo stendardo originale, offre due meravigliose ricostruzioni di Piazza Federico II e della Cattedrale medievale. Per l’occasione il Museo espone anche le fonti su cui sono basate le due ricostruzioni di Mancini, ovvero il testo cinquecentesco dello storico jesino Grizio e la relazione della sacra visita del Fedeli del ‘700, gentilmente concessi in prestito rispettivamente dalla Biblioteca Planettiana e dall’Archivio Diocesano.

I visitatori del nuovo Museo Federico II Stupor Mundi potranno completare il viaggio nel tempo al Museo Diocesano con una visita guidata su questi preziosi documenti ogni domenica di luglio e agosto durante l’orario di apertura 17-20. Chi, invece, inizierà il viaggio cominciando dal Museo Diocesano riceverà un tagliandino che consentirà di usufruire, entro una settimana, di un ingresso ridotto al Museo Federico II.

Un’altra interessante connessione è quella tra il Museo Diocesano e la Pinacoteca Civica: fino al 5 settembre, ogni martedì mattina (escluso Ferragosto) sarà possibile visitare entrambi i musei con visita guidata a soli 3 euro e ricongiungere idealmente le opere dei più importanti artisti che hanno costruito e caratterizzato l’identità di Jesi, rendendola riconoscibile in Italia e all’estero. Il punto di incontro è in piazza della Repubblica, davanti all’Ufficio Turismo, alle ore 11.

Dulcis in fundo, quest’anno nei mesi di luglio e agosto le aperture serali raddoppiano e diventano anche due appuntamenti settimanali da non perdere: il giovedì e il venerdì, dalle 21.30 alle 23.30, sono dedicati alla scoperta delle curiosità nascoste nel Museo Diocesano.

Ogni giovedì è rivolto a tutti i maggiori di 6 anni, amanti dell’investigazione. Il gioco “caccia all’indizio!” mette alla prova l’osservazione e l’intuizione di grandi e piccoli, con sorprendenti rivelazioni su oggetti e personaggi protagonisti della storia “Furto a Palazzo Ripanti”. Chi arriverà alla fine dell’indagine riceverà in regalo l’omonimo fumetto e potrà entrare nel bizzarro album fotografico degli investigatori del Museo Diocesano su Facebook.

Ogni venerdì alle 21.30, invece, una fresca visita guidata accompagnerà nelle stanze illuminate chi non si accontenterà di restare incantato dai soffitti passeggiando in piazza con il naso all’insù!

 

fonteMuseo Diocesano Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*