Museo Federico II, donazione accettata: la gestione passa al Comune | | Password Magazine

Museo Federico II, donazione accettata: la gestione passa al Comune

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
JESI – Museo Federico II, il Consiglio comunale accetta la donazione.
Con 13 voti favorevoli, 4 astenuti e 4 contrari su 21 consiglieri presenti in aula durante la seduta di giovedì, il Comune di Jesi diventa proprietario del museo multimediale dedicato all’Imperatore. La vecchia società, trascorsi due anni dall’inaugurazione, aveva infatti manifestato la volontà di cedere la struttura al Comune, attraverso una donazione libera da qualsiasi impegno debitorio. Un regalo il cui valore è di circa 2,2 milioni.
Il passaggio avverrà dal 1° ottobre: nel frattempo, la Giunta si impegna a proporre al prossimo Consiglio comunale un modello di gestione – operativo dal 2020 – valutando anche ipotesi di partenariato pubblico/privato in alternativa al controllo diretto. Saranno intanto messe a bilancio le risorse necessarie a coprire le attività per gli ultimi mesi dell’anno in corso. «È stata offerta un’opportunità alla città – ha ribadito in aula il sindaco Massimo Bacci -. Credo che si possa trovare una soluzione sia per dare continuità al progetto sia per trovare un equilibrio economico nella gestione». Infatti, il bilancio del museo per l’anno 2018, esaminato e illustrato in commissione consiliare, aveva evidenziato costi in uscita pari a 160 mila euro, mentre le entrate superavano di poco i 50 mila. Dai banchi dell’opposizione, la pentastellata Claudia Lancioni ha definito il museo «non un dono ma un impiccio» che richiede troppi investimenti a fronte di incassi non sufficienti a coprire le spese mentre per la consigliera di Jesi in Comune Agnese Santarelli lo Stupor Mundi si è già rivelato «una scommessa persa per chi lo ha gestito finora». Entrambi i due schieramenti hanno votato in modo contrario mentre hanno scelto l’astensione i consiglieri del PD, secondo cui «occorre valutare prima una progettazione di sistema» e chiarire le modalità di gestione.
Tuttavia, per l’assessore alla Cultura Luca Butini «la vera domanda da porsi è se la figura di Federico II merita di essere valorizzata e non se i conti sono in equilibrio, perché allora dovrebbero essere chiuse tutte le attività culturali che vivono di biglietteria». La presa in carico del museo Stupor Mundi giunge in un momento in cui anche la Regione Marche ha deciso di investire nella valorizzazione dell’Imperatore, concedendo a 130 mila euro al Comune di Jesi per un progetto che metterà in rete la città con le zone colpite dal sisma.
Abbiamo chiesto anche la vostra opinione con un sondaggio sulle nostre stories instagram, votate: PASSWORD MAGAZINE (link instagram su password magazine)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.