Museo Federico II, oggi si decide in Consiglio il futuro dello Stupor Mundi | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Museo Federico II, oggi si decide in Consiglio il futuro dello Stupor Mundi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Museo Federico II Stupor Mundi, oggi si decide. Il Consiglio comunale, indetto per questo pomeriggio, è chiamato infatti ad esprimersi sulla scelta di accettare o meno la donazione fatta al Comune di Jesi da parte della società proprietaria che, a due anni dall’inaugurazione, ha manifestato la volontà di cedere la struttura in formula libera da qualsiasi impegno debitorio. Il valore del Museo è stato stimato intorno ai 2,2 milioni. Nella commissione consiliare di martedì al palazzo municipale, sul tavolo sono i finiti i documenti di bilancio: nell’anno 2018, i costi di gestione del museo ammontano a circa 160 mila euro, mentre le entrate superano di poco i 50 mila. La maggior parte degli introiti arrivano dalla biglietteria (più di 43 mila euro) mentre il resto da attività didattica e bookshop. Durante il confronto, i consiglieri delle forze politiche di opposizione hanno chiesto chiarimenti e domandato se fosse possibile posticipare la decisione e valutare in modo più approfondito la sostenibilità della struttura: «Se il Comune non dovesse accettare la donazione entro la fine del mese, dal 1° ottobre il museo resterà chiuso e – ha spiegato l’assessore alla Cultura Luca Butini – riaprirlo dopo sembra controproducente. Ovviamente, è possibile intervenire in meglio sul bilancio ma se l’obiettivo finale è l’equilibrio, dovremmo allora chiudere i musei e le attività culturali che vivono di biglietteria. La domanda da porsi è invece se riteniamo o no che la figura di Federico II meriti di essere valorizzata». La presa in carico del museo Stupor Mundi giunge in un momento in cui la Regione Marche ha anche concesso 130 mila euro al Comune di Jesi per il progetto “Le Marche del Medio Evo e dei borghi nel segno di Federico II” che metterà in rete la città con i comuni colpiti dal sisma.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.