Museo Federico II Stupor Mundi verso l'apertura, sarà il 1° luglio | | Password Magazine

Museo Federico II Stupor Mundi verso l’apertura, sarà il 1° luglio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Nella città che ha dato i natali a Federico II di Svevia sabato 1 luglio aprirà il nuovo Museo Federico II Stupor Mundi, il primo grande museo dedicato alla vita e alle gesta del celebre imperatore.

Un museo multimediale in cui attraverso accurate ricostruzioni scenografiche e tridimensionali, installazioni e l’utilizzo di tecnologie si potrà fare un vero e proprio viaggio immersivo e multisensoriale alla scoperta di Federico II di Svevia.

Per l’opera, la Fondazione Marche ha stanziato 1,5 milioni di euro, esclusivamente destinati alla realizzazione dell’allestimento museale che avrà sede a Palazzo Ghislieri Nuovo, a pochi metri dal luogo in cui lo “Stupor Mundi” nacque sotto una tenda, il 26 dicembre 1194. Si tratta del più grande investimento privato nelle Marche in cultura, e della maggiore donazione della storia di Fondazione Marche.

Il Museo nasce dall’impegno della Fondazione Federico II Stupor Mundi di Jesi che ha, tra le proprie finalità istituzionali, quella di valorizzare, promuovere e divulgare la vita, le attività, la figura e la personalità di Federico II. Il progetto è scaturito dal desiderio dell’imprenditore jesino Gennaro Pieralisi di consacrare a Federico un luogo che possa ripercorrerne la vita, rappresentarne le opere e promuovere la conoscenza delle vestigia sparse in Italia e in Europa, al fine di valorizzare l’origine jesina di una delle più affascinanti e celeberrime personalità della Storia. Una figura centrale nella storia dell’Europa e particolarmente significativa nel momento attuale, qual

Il “Museo Federico II” intende attrarre a Jesi e nelle Marche flussi turistici numerosi e qualificati, in grado di esercitare un positivo impatto economico ed occupazionale. L’operazione culturale vuole accrescere a livello nazionale ed internazionale l’immagine di un territorio privilegiato dalla Storia, grazie a personaggi quali – oltre a Federico II di Svevia – Giovanni Battista Pergolesi, Gaspare Spontini e Lorenzo Lotto.

Un allestimento da oltre 2 milioni di euro, comprensivi degli interventi strutturali e impiantistici per la messa a norma di Palazzo Ghislieri in ottemperanza alle disposizioni di legge in materia di sicurezza applicate ai progetti museali.

La nascita del Museo Federico II è resa possibile grazie a fondi privati (in primo luogo Fondazione Marche) e si avvale inoltre dei contributi della Regione Marche e del Comune di Jesi. Collaborano a vario titolo: la Fondazione Pergolesi Spontini e la Fondazione Federico II di Hohenstaufen, oltre ad altre istituzioni pubbliche e private in via di coinvolgimento. La Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi ha concesso in locazione Palazzo Ghislieri Nuovo, sede del museo.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.