Museo Spontini, aperto anche a Ferragosto e per tutto il mese (da giovedì a domenica)

MAIOLATI SPONTINI – La Casa Museo Gaspare Spontini, che sorge nel cuore del capoluogo collinare, apre le porte ai turisti, ai cultori della grande musica, di cui il compositore maiolatese è uno dei più insigni rappresentanti, ma anche agli abitanti della Vallesina, curiosi di conoscere meglio uno dei geni della nostra regione, anche nel giorno di Ferragosto. Lunedì 15 agosto, dalle 16 fino alle 20 e 30, con ultimo ingresso alle 20 e 15, ci si potrà immergere nell’atmosfera speciale della casa, che custodisce l’archivio, la biblioteca e il museo dedicati al grande compositore maiolatese, e nello stesso tempo godere delle bellezze paesaggistiche, architettoniche e naturali del suggestivo castello di Maiolati Spontini. Ma non solo, perché quella di Ferragosto si inserisce in un quadro di aperture programmate del museo, che torna ad una fruizione regolare dopo le aperture straordinarie nelle giornate del Fai di Primavera del 19 e 20 marzo, e della “Notte dei Musei”, del 19 maggio. Occasioni nelle quali la struttura è stata visitata, complessivamente, da quasi 4 mila persone.

Per tutto il mese di agosto, infatti, il Museo, gestito dal Comune in collaborazione con la Fondazione Gaspare Spontini e la Conservatoria museale, sarà aperto, sempre con l’orario dalle 16 alle 20,30, nei giorni di giovedì, venerdì, sabato e domenica. Un modo per rispondere alle richieste sia della popolazione locale sia dei turisti. “Un turismo culturale – spiega il consigliere delegato Stefania Lucidi – al quale abbiamo voluto, con uno sforzo da parte dell’Amministrazione, rispondere. Sia adeguando e sistemando il Museo, sia garantendo aperture programmate nel mese di maggiore afflusso di visitatori”.

Il Museo, infatti, è tornato ad essere visitabile, in primavera, dopo lavori di manutenzione e restauro durati quasi cinque anni, con un nuovo allestimento, curato dal conservatore museale Marco Palmolella. Il nuovo percorso si snoda all’interno della casa dove Spontini è vissuto e dove si è spento nel 1851.

“Un allestimento molto rigoroso. Non abbiamo più fotocopie e materiali – spiega il conservatore museale Marco Palmolella – che non riguardino Gaspare Spontini, Celeste Erard o l’Ospizio di Carità e le istituzioni benefiche che hanno continuato l’azione avviata dal fondatore Spontini. I criteri adottati sono diversi e possono esseri riassunti nei seguenti punti: percorso della visita in senso orario; esposizione di fonti primarie; omogeneità dei temi trattati; ordine cronologico nell’esposizione dei documenti; ampliamento della superficie espositiva. Abbiamo ora 15 ambienti da visitare, con la possibilità di creare percorsi specifici secondo il tema prescelto. Fra questi, la stanza ritratti che farà rimanere a bocca aperta. I due fortepiano Erard sono stati restaurati e riportati alla funzionalità originaria del 1820”.

Ma le aperture non saranno limitate al mese di agosto. Dal 1° settembre al 20 novembre il museo sarà aperto tutte le domeniche, dalle ore 15,30 alle 20, con ultimo ingresso alle 19 e 40. Aperture particolari su prenotazione per gruppi, studiosi e per altre forme di fruizione potranno essere richieste al telefono 3336688998.

Sono state definite anche le tariffe per la visita al Museo. Il prezzo intero è di 4 euro, ridotto 3 euro, per gruppi composti da almeno 6 unità e per persone con età superiore a 65 anni. Gratuito per bambini minori di 11 anni al seguito di un accompagnatore adulto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.