Museo Spontini, concluso importante intervento di restauro | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Museo Spontini, concluso importante intervento di restauro

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce


MAIOLATI SPONTINI – L’Amministrazione comunale di Maiolati Spontini ha portato avanti in questi anni un importante e complesso intervento di sistemazione e recupero della sede del Museo Spontini, che sorge nel capoluogo collinare e conserva reperti e cimeli del grande genio musicale maiolatese. I lavori sono praticamente conclusi, tranne che per alcuni aspetti accessori, e hanno comportato un investimento complessivo di circa 400 mila euro, finanziato in parte con fondi della Regione Marche e del G.A.L. Colli Esini.

Gli interventi hanno riguardato la manutenzione straordinaria della copertura, il restauro degli infissi interni ed esterni, la realizzazione di un impianto di raffreddamento e deumidificazione, l’adeguamento dell’impianto elettrico, dei sistemi di illuminazione, di rilevazione incendio, presenze e sicurezza. Ma non solo. I lavori hanno comportato anche il restauro strutturale e pittorico delle pareti e dei soffitti. Sono stati realizzati anche altri interventi di manutenzione straordinaria, come la ripresa della parete esterna posteriore, la sostituzione delle grondaie e dei canali, la sistemazione dei pavimenti in cotto, fino alla fornitura di teche per l’ampliamento espositivo.

Per realizzare il progetto integrato il Comune ha proceduto al completo svuotamento del museo con il trasferimento in altri luoghi e la messa in sicurezza dei numerosi e preziosi reperti della vita e delle opere del grande maestro Gaspare Spontini.

“Nelle prossime settimane – spiega l’assessore ai Lavori pubblici e vicesindaco Giancarlo Carbini – i lavori si concluderanno definitivamente anche dal punto di vista degli aspetti burocratici, con i collaudi, le verifiche, il rilascio dei permessi, fino alla pulizia generale dei locali, per poi procedere alla delicata fase di risistemazione e ricollocamento dei reperti spontiniani, che nel frattempo l’Amministrazione comunale ha provveduto a incrementare. Si sta lavorando ora per programma

re la riapertura con un grande evento nella prossima primavera. Una riapertura che dovrà però essere solo una prima tappa di un progetto ‘integrato’ che punti a valorizzare tutti i luoghi spontiniani in un percorso che includa anche l’ex asilo e soprattutto la casa natale del grande musicista maiolatese”.

Un percorso per la cui concretizzazione il Comune si sta muovendo su tre fronti. “Parliamo anzitutto della predisposizione del progetto di recupero e restauro della casa natale – spiega il sindaco Umberto Domizioli – per il quale concorrere all’assegnazione dei fondi europei, quindi della condivisione degli obiettivi con la Fondazione Gaspare Spontini, proprietaria di molti dei siti spontiniani che sono stati concessi in uso al Comune, infine della definizione di un progetto di recupero e valorizzazione del bel giardino interno sul retro dell’asilo e del museo. Un progetto spontiniano integrato impegnativo e ambizioso ma proprio per questo più stimolante, per dare il giusto risalto a una figura, quella di Gaspare Spontini, molto apprezzata all’estero ma ancora da scoprire appieno fra i suoi connazionali”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.