«Museo Stupor Mundi pacco di Natale, al Comune affari per i privati» | | Password Magazine

«Museo Stupor Mundi pacco di Natale, al Comune affari per i privati»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Continuano gli “affari per i privati” al Comune di Jesi, diventato ormai una sorta di paese del ben godi delle esternalizzazioni dei servizi pubblici o per chi magari vuole prendersi un po’ di soldi pubblici e, successivamente, abbandonare la città al suo destino dopo averne goduto per qualche anno». Il Movimento 5 Stelle di Jesi attacca l’Amministrazione comunale, insistendo sul caso del Museo Stupor Mundi «il “buco nero” rifilato alla collettività da un privato che voleva passare da grande mecenate ma che, al contrario, ha rifilato al Comune “l’affare” quando questo si è rivelato “un pacco”. Il tutto dopo aver tenuto aperto il Museo per qualche anno, utilizzando una bella fetta di soldi pubblici».

Il M5S incalza: «Siamo stati i primi e gli unici, quando la pratica esordì in Aula (2015), a denunciare con forza i rischi per la collettività. Siamo stati coerentemente oppositori quando a settembre scorso il “Pacco di San Settimio” è tornato in Consiglio, con una maggioranza civica che ha accettato di riprendersi il Museo in perdita, tentando addirittura di far passare l’operazione come una “donazione” al Comune. Oggi siamo all’epilogo. Dopo il “Pacco di San Settimio” siamo al “Pacco di Natale”: 150mila €/anno per tre anni, 450mila euro per un affidamento ad un privato, l’ennesimo privato che può venire a fare affari a Jesi, coi soldi pubblici.
Se ne ricordino i cittadini e le aziende in difficoltà che non riescono a pagare le imposte comunali, ai quali non è concesso manco mezzo euro di sconto; se ne ricordino le associazioni che si vedono rifiutare progetti o contributi perché “non ci sono soldi”; se lo ricordino le famiglie con anziani e disabili in difficoltà ai quali il Comune non può dare aiuti ulteriori perché “il bilancio non lo permette”; se ne ricordino tutti coloro che credono che il “commercialista del popolo” dovrebbe garantire che i soldi vengano spesi per chi ne ha veramente bisogno e non per progetti faraonici che non servono a niente e nessuno salvo, forse, garantire affari a privati o (im)prenditori vari»..

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.