Musiche di Pergolesi e Spontini domenica a Maiolati e Jesi per il Festival Pergolesi Spontini | | Password Magazine

Musiche di Pergolesi e Spontini domenica a Maiolati e Jesi per il Festival Pergolesi Spontini

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI/JESI – Domenica 11 settembre alle ore 18 nel giardino della casa di Gaspare Spontini a Maiolati Spontini ed oggi sede di un Museo-Archivio da poche settimane riaperto al pubblico, concerto “Salotto Agnese” con pagine dall’Agnese di Hohenstaufen nell’edizione italiana voluta nel 1954 da Francesco Siciliani, il grande organizzatore musicale scomparso vent’anni fa.

L’opera è stata riscoperta al Maggio Musicale Fiorentino nel 1954, per merito di Siciliani, allora direttore artistico. Le pagine più belle di un’opera colossale vengono lette al pianoforte, in un ideale salotto ottocentesco, come nella Berlino che ospitò per vent’anni Gaspare Spontini. Al pianoforte Alessandro Benigni, cantano i solisti dell’Accademia d’arte Lirica di Osimo: Mariam Perlashvili (Agnese), Martina Rinaldi (Ermengarda), Giorgi Tsintsadze (Enrico), Daniele Adriani(Filippo), Takahiro Shimotsuka (Il Duca), Akaki Ioseliani (L’Imperatore / L’Arcivescovo), Rafaela Fernandes, Magdalena Krysztoforska, Tsisana Giorgadze (Dame / Monache).  Il concerto è in collaborazione con Accademia d’Arte Lirica di Osimo

Alle ore 21 al Teatro Pergolesi di Jesi, in programma la replica de Li prodigi della divina grazia nella conversione e morte di San Guglielmo Duca d’Aquitania, dramma sacro di Giovanni Battista Pergolesi in una nuova produizuioen della Fondazione Pergolesi Spontini nella revisione critica di Livio AragonaChristophe Rousset dirige Les Talens Lyriques ed un cast di voci del repertorio barocco quali Raffaella Milanesi (San Guglielmo), Sofia Solovyi (San Bernardo – Padre Arsenio), Clemente Daliotti (Cuosemo), Arianna Vendittelli (Angelo), Maharram Huseynov (Demonio). Firma la regiaFrancesco Nappa, le scene sono di Benito Leonori, i costumi di Giusi Giustino.

Il San Guglielmo, dramma sacro su libretto di Ignazio Maria Mancini, con personaggi e situazioni da commedia buffa è il primo lavoro ufficiale di Pergolesi come compositore: rappresentato nel 1731 in un convento (nel chiostro del monastero anmnesso alla Chiesa di Sant’Agnello), fu visto dalla Napoli aristocratica e intellettuale dell’epoca, che decretò il successo del giovane musicista jesino.

Il XVI Festival Pergolesi Spontini, organizzato dalla Fondazione Pergolesi Spontini, proseguirà fino al 25 settembre nei teatri e nei luoghi d’arte di Jesi, Maiolati Spontini e altre città della provincia di Ancona, con 15 appuntamenti tra opere, concerti e spettacoli di teatro musicale. In programma, un viaggio in musica dal XII secolo ai giorni nostri attraverso l’albero genealogico di Federico II di Hohenstaufen, imperatore del Sacro Romano Impero e re di Sicilia, nato a Jesi nel 1194. 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.