Nasce a Moie la Casa delle culture | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Nasce a Moie la Casa delle culture

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – Nasce a Moie la Casa delle culture: uno sportello per l’integrazione allestito in un locale all’interno dell’ex scuola primaria di via Leopardi, al civico 8. La cerimonia di inaugurazione si terrà domenica 8 marzo, alle ore 10, alla presenza del sindaco Umberto Domizioli, dell’assessore ai Servizi sociali Fabiana Piergigli, del consigliere straniero aggiunto del comune di Maiolati Spontini Hossen Main e della presidente della Casa delle Culture del comune di Jesi Mirella Argentati.

“Lo scopo dell’iniziativa – spiega l’assessore Piergigli – è quello di creare uno spazio di incontro interculturale utile per facilitare la partecipazione e l’inclusione sociale delle diverse culture appartenenti alla nostra comunità. Il progetto è stato condiviso dalla maggioranza e faceva parte del programma elettorale della coalizione di centrosinistra. Progetto che ora trova concretizzazione”.

Lo sportello sarà gestito dal Comune tramite il consigliere straniero Main.

Nella delibera di giunta con cui si approva l’istituzione della Casa della culture si ricorda come lo Statuto del Comune preveda l’elezione del consigliere straniero aggiunto, eletto per la prima volta nel 2002 dalla comunità dei cittadini extracomunitari, che oggi conta circa 420 presenze sul territorio comunale.

Proprio dai rappresentanti in aula degli stranieri è emersa, negli anni, l’esigenza di poter usufruire di uno spazio fisico quale luogo di incontro delle diverse comunità presenti. Da qui il progetto della concessione in uso di un luogo fisico, appunto la Casa delle Culture, come “piena espressione di un paese inclusivo e interculturale”.

Per definire i criteri di utilizzo dello spazio è stato predisposto un regolamento, sottoscritto dal sindaco Domizioli e dal consigliere Main. Fra gli aspetti messi nero su bianco, il fatto che le attività che saranno svolte nella Casa delle Culture “dovranno favorire la conoscenza, da parte dei residenti stranieri, della cultura locale e delle opportunità sul territorio”. Si parla anche di corsi di lingua italiana e della lingua di origine, supporto scolastico per i bambini, attività di formazione e promozione della intercultura, attività di conoscenza e di incontro delle culture delle diverse nazionalità presenti sul territorio. Lo stesso consigliere straniero aggiunto assicurerà uno sportello di ascolto della comunità straniera. Non è consentito utilizzare lo spazio per attività private, né per cene o banchetti, né lo spazio potrà essere ceduto ad associazioni o ad altri soggetti.

Tutte le attività non potranno protrarsi oltre le ore 24 ed avere inizio prima delle ore 8 del mattino.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.