Nasce il Comitato Tutela Pianello Vallesina e Municipi contro l'antenna | Password Magazine
Festival Pergolesi

Nasce il Comitato Tutela Pianello Vallesina e Municipi contro l’antenna

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

PIANELLO VALLESINA – Cittadini di Monte Roberto e Castelbellino uniti per dire no all’antenna a Pianello Vallesina. Si è costituito il Comitato Tutela Pianello Vallesina e Municipi che ha già raccolto circa 60 adesioni. Presidente l’avvocato Fabrizio Scortechini, affiancato da un consiglio direttivo composto da Raffaella Scortichini, Alioscia Brugiati, Francesco Campanelli ed Emanuele Cerioni: «Il Comitato – spiega il presidente Scortechini – è volontario, democratico e apartitico e si pone due obiettivi: difendere e proteggere il paesaggio in cui viviamo, salvaguardare la salute e il benessere della nostra piccola comunità, per noi e i nostri figli. Al fianco dell’organo esecutivo, diversi associati si sono impegnati a dare un contributo fattivo alla causa, mi vengono in mente Juri Balletti, Mauro Simonetti e altri che di sicuro sto dimenticando. Viste le richieste di adesione, sin dai prossimi giorni contiamo di raddoppiare gli scritti e di incrementarli ulteriormente in quelli a seguire, perché il progetto è quello di rendere il Comitato un ente associativo operante in maniera stabile e quindi destinato a durare ben oltre l’impellenza del momento».

Il Comitato nasce per opporsi alla volontà di una ditta privata di costruire un impianto di telefonia mobile su un terreno privato, nell’area sita in via San Pietro nel quartiere Terrone: un traliccio porta antenne e parabole alto ben 30 metri e largo 12, con un pennone di 3 metri e 15 apparati remotizzati configurati per frequenze 800, 900,1800, 2100 e 2600 Mhz. L’impresa titolare del progetto aveva infatti presentato ricorso al Tar (per cui è fissata udienza cautelare al 21 ottobre), dopo il provvedimento negativo arrivato dalla conferenza dei servizi lo scorso 11 giugno, con Commissione paesaggistica, Sovrintendenza e Comune di Monte Roberto che esprimevano contrarietà, confermando i presupposti di tutela paesaggistica e di valorizzazione urbanistica, nonostante il giudizio positivo e di compatibilità arrivato invece dall’Arpam.
«Abbiamo incaricato l’avvocato Alessandro Lucchetti di Ancona, esperto del settore, di assistere e tutelare il Comitato nel giudizio pendente innanzi al TAR, perché non ci arrenderemo mai a vedere una antenna di quelle dimensioni nel nostro quartiere, è inaccettabile sotto tutti i profili, mi permetto di dire anche etico».

Stasera (14 ottobre) alle ore 21 presso il capannone Avenali di via Garibaldi a Terrone, compatibilmente con le eventuali restrizioni relative all’emergenza COVID e comunque in ottemperanza ai regolamenti vigenti, sarà allestito un punto di raccolta adesioni al Comitato. Sarà anche l’occasione per porre eventuali domande sugli scopi, le finalità e gli obiettivi prima di formalizzare la propria eventuale adesione.

Anche l’Amministrazione comunale di Monte Roberto sta predisponendo gli atti per costituirsi in giudizio al fianco del comitato cittadino:
«Riteniamo non autorizzabile l’installazione e faremo tutto il possibile per confermare ed avvalorare le nostre motivazioni, compresa la costituzione nel ricorso in atto» .

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.