Nasce la Onlus I.P.F. Vallesina, "rete" di solidarietà tra le associazioni | Password Magazine
Festival Pergolesi

Nasce la Onlus I.P.F. Vallesina, "rete" di solidarietà tra le associazioni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MONTE ROBERTO – Quando la crisi ormai attanaglia tutti, ora che ha gravemente colpito ed impoverito l’intera popolazione… allora emerge la forte voglia di aiutare il prossimo, la solidarietà, il sociale.

Sabato scorso, alle 9.00 del mattino, previa benedizione del Vescovo della Diocesi di Jesi, è avvenuta l’inaugurazione e la presentazione della ONLUS I.P.F. Vallesina, n° 375, con il ringraziamento ed il grande interesse delle autorità della Vallesina.

Nonostante il ristretto numero di inviti, per un primo incontro “familiare”, oltre una settantina sono stati i partecipanti.

Sono intervenuti:

– Don Giovanni, della Diocesi di Jesi, sempre molto attivo e propositivo per aiutare il prossimo, un grande appoggio spirituale in questi anni di duro lavoro dei volontari qui impegnati;

– in rappresentanza del Comune di Castelbellino, sempre in prima linea per agevolare ed aiutare l’avviamento di questa importante operazione sociale per tutta la Zona, erano presenti il sindaco dott. Papadopulos con il suo assessore Massimo Costarelli;

– per il Comune di Monte Roberto, il cui consigliere avv. Fabrizio Scortechini ha svolto un ruolo attivo in questi due anni di incubazione, c’era anche il sindaco Livio Togni;

– per il Comune di Belvedere Ostrense l’entusiasta vice-sindaco Morresi;

– per gli altri comuni della zona vari delegati, a vario titolo già impegnati nel sociale, molto interessati al futuro sviluppo di questa nuova avventura.

Ruolo dell’IPF di Pianello Vallesina, il cui capannone è gratuitamente offerto dalla Campanelli Costruzioni S.p.A., rappresentata dal dott. Maurizio Campanelli, sarà quello di agevolare ed integrare il lavoro della numerose associazioni della zona, tutte in gravi difficoltà per mancanza di fondi.

Gli ampi magazzini sono dotati anche di una cella frigorifera industriale (gratuitamente messa a disposizione da Stefano Tantucci) grazie alla quale sono già stati stoccati e distribuiti alle varie associazioni della Vallesina oltre 12.000 kg di frutta e verdura, in attesa che arrivino ora anche i più consistenti carichi di scatolati e latticini.

A supervisionare l’operazione il dott. Massimo Ripepi, nuovo vice presidente nazionale IPF, che con immensa soddisfazione auspica ora la necessità di fare “rete”.

Nella vasta area che potrebbe servire il nuovo centro zonale IPF, da Fabriano ad Ancona, da Senigallia a Cingoli, sono presenti ed operano numerosissime associazioni di volontariato, finora scollegate l’un l’altra, con grave dispendio di energie e risorse, e con inevitabili enormi sprechi, che ora occorre eliminare, anche in previsione dell’eliminazione prevista dall’UE per il 2013 dei fondi per la GEA, attualmente unico fornitore di alimenti per le associazioni di volontariato che poi lo distribuiscono nei vari territori.

Il Presidente Rolando Lunardi, coadiuvato dal vice mandato da Roma Mario Bianchi, era commosso per gli attestati di stima ricevuti e per la grande partecipazione di tutte le autorità ed associazioni della zona; molti i volontari che vorrebbero già aggiungersi a quelli che in questi due anni hanno accompagnato ed aiutato la costruzione di questo importante progetto per le fasce più deboli del nostro tessuto sociale impoverito dalla grave crisi industriale dei distretti marchigiani.

Comunicato da: ONLUS I.P.F. Vallesina

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.