Nasce «Ori di Jesi»: gli orafi di Jesi si uniscono in un’associazione

JESI – Nasce a Jesi la nuova associazione «Ori di Jesi» : sei orafi jesini, due gioiellerie, un ex professore di design del gioiello, hanno deciso di unirsi per poter portare avanti la storica scuola locale che ebbe età d’oro dal Cinquecento alla prima metà del Novecento, quando le vie del centro storico di Jesi erano un pullulare di fucine di Vulcano dove trafori, ceselli, forni da fusione, martelletti e bulini accompagnavano l’incedere dei passanti.

«Gli Ori di Jesi» nasce anche per far rivivere quel “piccolo mondo antico” e ricalcarne le orme.

Sotto la presidenza di Maria Marchegiani, che da anni si prodiga per portare ad alto livello l’oreficeria a Jesi, i laboratori Marchegiani, Catalani, Qirat, Vanità, Gentili, Diador e le gioiellerie Bizzarri e Bini ed il prof. Maurizio Catani si sono associati per dare voce ad una realtà importante di oreficeria ancora viva oggi.

«Abbiamo tante idee e obiettivi in fermento, che daranno giustizia e visibilità al Made in Jesi – ha detto Maria Marchegiani – Jesi non ha nulla da invidiare a Ponte Vecchio, Valenza o Arezzo. Un altro obiettivo sarebbe quello di poter allestire un museo permanente con attrezzi, materiali e oggetti di quell’oreficeria jesina che stiamo raccogliendo tramite collezionisti privati, archivi storici ritrovati, orafi che detengono attrezzi originali del 500» .

Tra le finalità da raggiungere, anche una rivalutazione dell’artigianato artistico, l’attivazione di un turismo esperienziale all’interno dei laboratori, la valorizzazione della storia locale, creazione di un marchio comune, la creazione di mostre ed eventi e tanto altro. «Un plauso particolare va alla CNA di Jesi che si è appassionata al progetto e si è offerta come partner di supporto – ha detto Maria Marchegiani – Ci hanno aiutato nell’organizzazione delle riunioni preliminari, fornendo una consulenza tecnica che ci ha permesso di trovare la formula migliore per concretizzare la nostra idea. Ringraziamo il Sindaco del Comune che si è posto come agevolatore delle iniziative ed il viceS Butini che ha istituito un importantissimo Concorso orafo “Alla corte di Federico – Arte Orafa e Formazione” giunto quest’anno alla 4° edizione. Un segnale importante da parte di protagonisti dell’artigianato artistico della nostra città ed eredi di un’antica tradizione i quali, attraverso la tutela e la valorizzazione della propria arte, partecipano attivamente alla promozione ed alla crescita della città e del territorio» .

Un ringraziamento poi anche all’Ente Palio S.Floriano che finanzierà una targa con scritto via degli Orefici e che verrà posizionata all’inizio della via. «Grazie – conclude Marchegiani – anche all’associazione culturale NovAesis e Soroptimist che hanno sottolineato in maniera importante questa realtà ed a tutti coloro che vorranno unirsi al progetto per rivalutare questa importante eredità storica nonché una realtà importante di oggi» .

1 Commento su Nasce «Ori di Jesi»: gli orafi di Jesi si uniscono in un’associazione

  1. Fate via degli orafi
    A Bologna sotto le torri c’e’ via degli orefice ed è molto nota ai turisti

    Fate un nome diverso ma importante uguale!!!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*