Nascondeva un'accetta sotto il sedile dell'auto, fermato alla Stazione | | Password Magazine
Banner4Baffi

Nascondeva un’accetta sotto il sedile dell’auto, fermato alla Stazione

JESI – Nascondeva un’accetta nell’auto ma è stato fermato dalla Polizia. Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio effettuati dalle volanti del Commissariato della Polizia di Jesi, agli ordini del dirigente Mario Sica, in special modo nei luoghi cittadini di maggiore aggregazione e transito, una pantera nella prima mattinata del 4 ottobre ha ispezionato un uomo che, con atteggiamento sospetto, vagava apparentemente senza precisa meta nel piazzale della stazione ferroviaria di Jesi. Al controllo, l’uomo si è mostrato subito particolarmente insofferente alle richieste dei poliziotti, rifiutandosi di fornire documenti a supporto delle dichiarazioni d’identità. Durante queste fasi, gli agenti sono però riusciti ad individuare l’autoveicolo di proprietà del sospetto, parcheggiato proprio di fronte alla stazione. Il suo comportamento reattivo ed ingiustificato ha convinto gli operatori di polizia a procedere alla perquisizione della FIAT Panda così individuata. Sotto il sedile dell’autista è stato rinvenuta una accetta di medie dimensioni del cui possesso l’uomo  non ha dato motivate giustificazioni. Per questo, è stato accompagnato al Commissariato di Polizia: l’arma è stata sequestrata e il soggetto, un 32enne comunitario residente in un Comune della Vallesina, è stato denunciato all’autorità giudiziaria per il reato di possesso ingiustificato di arma impropria. Da una verifica della sua posizione è risultato che nel recente mese di agosto lo stesso era già stato segnalato all’autorità giudiziaria per il medesimo reato. Il denunciato è stato munito nei prossimi giorni di foglio di via obbligatorio dal Comune di Jesi. Quest’ora applicherà altresì la misura di prevenzione dell’avviso orale, munito propedeutico alla applicazione di figure preventivo è molto più gravi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.