Natale blindato, Gregori (Lega): «Ci stiamo abituando alla paura» | | Password Magazine

Natale blindato, Gregori (Lega): «Ci stiamo abituando alla paura»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Natale blindato con i blocchi in cemento antiterrorismo, sistemati lungo Corso Matteotti all’incrocio con via Pastrengo, proprio all’inizio della zona pedonale. La misura è un atto di prevenzione, imposto dal Ministero degli Interni, per scongiurare il rischio di attentati nei luoghi dove si prevede l’assembramento di persone.

«Trovo davvero inquietante e paradossale come questi blocchi di cemento, strumenti di difesa della nostra incolumità e della nostra democrazia siano entrati nel vivere comune – è il commento della consigliera comunale della Lega Nord Silvia Gregori – Non mi stancherò mai di ripeterlo: il male più grave è la tendenza dell’uomo, per una ancestrale forma di sopravvivenza. ad abituarsi, a plasmarsi al  corso degli eventi».

In questi giorni si è letto di tutto e di più su questi famigerati blocchi di cemento messi a protezione: che sono anti estetici e che avrebbero dovuto essere più curati nella presentazione, forse meno visibili o mascherati con una sorta di “make up”.

«Eppure ho sentito veramente pochi , preoccupati per la loro presenza – puntualizza la Gregori – Nonostante si è tentato di sviare molto sul tema, con marce pacifiste che, su un totale di 5000 persone di fede islamica ha visto a Jesi la partecipazione di massimo trenta aderenti, e nonostante molti non sembrino essere d’accordo a mostrarsi così occidentali, il terrorismo che è di matrice islamica ci sta insegnando a vivere nel terrore come fosse una cosa normale!».

«E’ inutile che mettiamo fiori nei cannoni o slogan di questo tipo: questa minaccia ha deturpato anche il volto delle nostre città ma non saranno certo alcuni blocchi di cemento a fermare questi attacchi, questo deterrente serve più alla tranquillità delle nostre coscienze inquiete per la minaccia fantasma – conclude la Gregori – Non sopporto l’ipocrisia, quindi se ci devono essere, che siano ben visibili in modo da non essere scambiati per una fioriera o per assaggi di arte moderna!».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.