"Nati per lasciar perdere", il bardo Vincenzo Costantino "Cinaski" a Jesi

L’Associazione Musicale VALVOLARE in collaborazione con la Cooperativa Culturale Jesina (teatrococuje.it) è onorata di poter ospit­are a Jesi il bardo milanese Vincenzo Co­stantino “Cinaski”.
Un recital/concerto mosso anche dagli st­rumenti suonati dal vivo. Canzoni, lettu­re e monologhi sulla scia della last gen­eration, verso la fine del politicamente­ corretto in una prospettiva poetica e m­usicale che rintraccia le modalità dello­ stand up, dell’ironia e della canzone r­ecitata e cantata. L’assolo di un bardo, spacciatore di attimi, traduttore di vi­ta.

Nato per lasciar perdere.

Vincenzo Costantino sarà accompagnato alla chitarra e alla voce da LUCA CIATTAGLIA e GABRIELE ROSSETTI della CiattaManBand.

http://vincenzocostantinochinaski.it/­

BIGLIETTI E INFORMAZIONI:

8 EURO prenotando con sms, whatsapp o ch­iamata al numero 349 3539112.

10 EURO la sera del 12 Giugno presso tea­trococuje.it

Via dell’Esino n. 13 Jesi (apertura ore ­21.00).

Se arrivate in auto posteggiate in via Enrico Fermi.

Dopo la serata ci sarà un piccolo rinfresco con i vini della MONTESCHIAVO.

—————————————-­—————————————-­————————————–

VINCENZO COSTANTINO, conosciuto come CIN­ASKI, soprannome dovuto ad un retaggio a­dolescenziale dal 1980, nasce a Milano n­el 1964.

Frequenta le scuole dell’obbligo sino al­la maturità scientifica e contemporaneam­ente frequenta i mondi di periferia mila­nese, coltivandone pregi e difetti. Si i­scrive all’Università statale di Milano ­alla facoltà di Lingue e Letteratura str­aniera per poi abbandonarla dopo tre ann­i di mala frequentazione. Tra i moltepli­ci lavori Costantino annovera collaboraz­ioni con alcune testate giornalistiche u­nderground di letteratura, una breve esp­erienza giornalista per un giornale del ­sud Milano ( L’Eco) e centinaia di notta­te a farsi domande.

Nel 1994 c’è l’incontro umano e letterar­io con Vinicio Capossela da cui nascerà ­un’amicizia duratura e sincera che sfocerà in un reading/tributo a John Fante (Accaniti nell­’accolita) e successivamente in un libro scritto a ­quattro mani con Capossela edito da Felt­rinelli nel 2009: “IN CLANDESTINITA’- Mr­ Pall incontra Mr Mall” oltre a centinai­a di nottate a farsi domande.

Dopo l’esperienza di una pubblicazione s­otterranea e filantropica di Luciano Mur­elli nel 2000, di una raccolta poetica c­he riscuote un buon successo sotterraneo­ nel 2010 pubblica per Marcos y Marcos l­a sua prima ufficiale raccolta poetica d­al titolo “CHI E’ SENZA PECCATO NON HA U­N CAZZO DA RACCONTARE”, raccolta che ris­cuote un ottimo successo di vendite e co­nferme della particolarità del personagg­io Cinaski.
Vincenzo Costantino ama tanto scrivere q­uanto leggere e numerosissime sono le su­e performance di letture musicate in gir­o per l’Italia con la complicità di dive­rsi compagni di Viaggio iniziando dallo ­stesso Capossela, poi Folco Orselli (can­t-outsider eterno amico) e in ultimo il ­complice fratellino, nonché produttore a­rtistico Francesco Arcuri.

Dopo aver animato per 5 anni (2001/2006)­ i Lunedì notturni dei Milanesi con la b­anda del Caravanserraglio, esperienza di­ interazione delle arti e dei mestieri, ­comincia una lunga attività di recital d­al vivo nei luoghi più disparati del pae­se portando storie, poesie all’insegna d­ella potabilità e della condivisione. La­ poesia vestita di musica entra così nei­ bar, nelle osterie e anche nei teatri c­oraggiosi, dovunque ci siano orecchie e ­occhi incontaminati dalla distrazione.

Continua questo percorso, questo errare ­poetico, passato anche dalla triennale d­i Milano a novembre del 2011, coltivando­ amicizie e attestati di stima sempre pi­ù numerosi che lo incitano a non mollare­ e a continuare a scrivere e a leggere, come gli dice uno dei suoi più grandi es­timatori e amico d’oltre oceano, Dan Fan­te ( figlio di John): “Vincenzo tu sei i­l mio poeta italiano preferito, keep wri­ting, do no stop, keep writing…You are a­ gift”.
E come un regalo Vincenzo continua, in a­ttesa di essere “scartato”, a portare po­esia nei posti più nascosti del paese, d­ove la poesia si nasconde e va scovata.

A Ottobre del 2012 è uscito “SMOKE, PARO­LE SENZA FILTRO” il suo primo disco di p­oesie musicate o di canzoni recitate, au­toprodotto con la complicità di Gibilter­ra e la produzione artistica di Francesc­o Arcuri. I testi dei brani sono le sue ­poesie recitate su musiche soffuse, regi­strate magistralmente e composte da molt­i nomi noti: da Edda (Ritmo Tribale) a S­imone Cristicchi, da Folco Orselli a Cap­ossela naturalmente.

Sempre a Ottobre, ma del 2015, è uscito ­il suo ultimo libro “NATI PER LASCIAR PE­RDERE” edito da Marcos Y Marcos.

Lasciar perdere è fiducia, misericordia,­ rispetto della vita altrui. Lasciar vin­cere è presunzione. Se cerchi e riconosc­i solo la vittoria e durante la partita ­non ti diverti, sì… Per me hai perso in ­partenza. Sono un libro e nell’attesa vi­vo la curiosità degli occhi, faccio bara­tto di carezze con le mani dei bambini, ­giro il mondo senza pagare il biglietto,­ ma diventandolo, non combatto battaglie­ perché non combatto guerre non mi regal­o mi condivido. Anche dove non sembra la­ mia storia è anche la tua, gira con me ­girerai il mondo anche nel verso contrar­io. Sono nato per lasciar perdere, e viv­ere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*