Nazareno Rocchetti a Jesi ospite del Panathlon

JESI- Arriva la serata Panathlon che ha sparigliato le carte in tavola, pronte sul tavolo per una normale chiacchierata intorno all’argomento Il corpo nell’arte e nello sport, relatore Nazareno Rocchetti, l’ex fisioterapista della nazionale sia di atletica leggera sia dei maggiori atleti in quasi tutte le discipline sportive, poi diventato più recentemente un pittore e scultore a carattere internazionale. Le ha sparigliate perché una tavolata/auditorium così attenta e partecipe non si vedeva da tanto tempo. Presente anche il presidente del Panathlon di Senigallia, Stefano Ripanti.  Accolto ed introdotto dal presidente Fabio Fittaioli, Rocchetti ha raccontato dei corpi che ha manipolato (fra questi uno dei più importanti è stato quello di Pietro Mennea) per far sì che mente e corpo stesso rendessero al meglio nelle gare cui prendevano parte da protagonisti. Figlio di contadini, genitori e figli abituati a vivere a contatto con la natura vicino a Filottrano, dove non si mangiava mai regolarmente ma quella era la “regola” di hi ha visto la luce in un dopoguerra che stava per tradursi, anni dopo, in boom economico, Rocchetti ha seguito la strada del suo istinto. Ha “frequentato” olimpiadi, campionati del mondo, europei, ha sentito fra le sue mani corpi che di lì a poco avrebbero dato all’Italia, ed a lui in particolare, una grande soddisfazione. Poi le sue mani, con attrezzi ed idee nuove, hanno dato vita a lavori che oggi puoi trovare in ogni Museo d’Italia e non solo. “Debbo ringraziare il critico d’arte Armando Ginesi che un giorno mi chiese di “trattare” il pittore Josè Guevara, spagnolo, grande artista, che viveva a Jesi, uno dei protagonisti dell’informalismo spagnolo che mantiene, nella materia, le caratteristica del suo astrattismo tutto speciale, definito “Oleo por combustiòn del pigmento” ottenuto con l’uso del fuoco.  Lui mi disse: tu un giorno sarai il mio erede … col fuoco”. La filosofia di vita di Rocchetti la trovi non solo nella grandezza e struttura dei corpi che ha trattato per i trionfi poi raggiunti (alcune nostre schermitrici lo hanno avuto come preparatore e con loro Mennea, Bordin, la Dorio, la Simeoni, persino Nureyev il grande ballerino russo e decine di altri nomi), ma anche nel come ha dato vitaad opere di grande impatto artistico e spirituale. Pochi giorni fa, nell’occasione dell’anniversario dei 40 anni dal record del mondo di Pietro Mennea (19,72 nei 200 metri a Città del Messico, con Mennea che abbraccia, stremato, Rocchetti dopo la vittoria, all’arrivo) il quotidiano “La Repubblica ha dedicato una pagina e mezza ad un’intervista a cuore aperto con Rocchetti, perché dietro ad ogni impresa c’è certo la capacità e ci sono doti e talento dell’atleta ma anche la preparazione certosina di chi prepara ed educa il tuo fisico e la mente  ad imprese sempre più importanti. Al Panathlon di Jesi hanno capito la lezione di vita di un uomo senza tempo e senza età.       

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*