«Nel segno del leone», il nuovo romanzo di Stefano Vignaroli | | Password Magazine

«Nel segno del leone», il nuovo romanzo di Stefano Vignaroli

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESIDisponibile il nuovo lavoro letterario di Stefano Vignaroli, dal titolo «Nel segno del Leone»: si tratta del terzo romanzo storico appartenente alla serie ambientata nella Jesi Rinascimentale.

Il volume è al momento disponibile in formato e-book scaricabile da Amazon: esistono tuttavia poche rare copie cartacee giunte in qualche edicola jesina prima della chiusura dei canali di distribuzione dei libri.

Vignaroli, medico veterinario jesino, è ormai noto nelle territorio della Vallesina e non solo, per i suoi romanzi ambientati nelle terre marchigiane: dai gialli polizieschi, come la trilogia dedicato alla  poliziotta jesina, il Commissario Caterina Ruggeri, ai  thriller storici, che prendono spunto da alcuni elementi architettonici della città di Jesi, e da fatti effettivamente avvenuti nella storia, come il Sacco di Jesi.

Nasce da qui la trilogia dei romanzi «L’ombra del campanile», pubblicato nel2015, e «La corona bronzea», presentato nel 2017.  «Nel segno del Leone» è il terzo episodio di questa saga storica davvero appassionante e avvincente: la trama ovviamente si riaggancia ai primi due volumi, ma comunque nulla toglie al fatto che il libro possa essere letto a sé, senza dover per forza conoscere gli episodi precedenti.

Una Jesi storica tutta da scoprire in questo nuovo romanzo i protagonisti, la studiosa Lucia Balleani e l’archeologo Andrea Franciolini, si troveranno a dover indagare su due importanti reperti: un’icona rappresentante un leone traverso e un antico codice di Tacito, il Codex Latinus Aesinas VIII, il cui originale è stato da sempre conservato a Jesi, presso la residenza dei Conti Baldeschi Balleani.

Pubblicato dalla casa editrice Tektime, «Nel segno del leone» e i due precedenti romanzi verranno presto tradotti anche in lingua inglese, e verranno realizzati anche sottoforma di audiolibri, di prossima immissione sul mercato.

In uscita, sempre per mano dello stesso autore, il brano dedicato alla memoria di Federico II all’interno dell’antologia Marche d’Autore: si chiama «Ritorno alle origini» e narra di quando lo Stupor Mundi, già imperatore, ritornò nella sua terra natia, facendo il suo ingresso trionfale e proclamano Jesi città Regia.

A cura di Giovanna Borrelli

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.