Nelle Marche, 300 tra musei e siti. Ancora molto è da scoprire | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Nelle Marche, 300 tra musei e siti. Ancora molto è da scoprire

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Nelle Marche potrebbero emergere nuovi siti archeologici di notevole interesse . Ci sono intere aree che sono state censite ma non adeguatamente indagate. Nell’area di Monte Primo e nella zona di Colfiorito potrebbero esserci siti particolarmente importanti”. A svelarlo è Fabio Vita Consigliere dell’Ordine dei Geologi delle Marche .  Domani i geologi in conferenza stampa presenteranno una vera road map . Immagini , dati, particolari , slides sullo stato del territorio : dai siti archeologici alle scuole , dagli ospedali ai centri storici, dal rischio idrogeologico al rischio sismico . I geologi presenteranno alla stampa il documento in 17 punti per la messa in sicurezza del territorio . La conferenza stampa , organizzata dall’Ordine dei Geologi delle Marche è in programma domani , Giovedì 21 Maggio , alle ore 11 , presso la sala briefing dell’Ordine in Corso Garibaldi 28  ad Ancona.

Nelle Marche 300 tra musei e siti

“Nelle Marche ci sono 300 tra musei, monumenti e aree archeologiche, circa il 6,3% del totale nazionale. Il settore dimostra di essere vitale in Italia, ma ancora di più nelle Marche dove si può registrare un +16,7% – ha proseguito Fabio Vita –  mentre a livello nazionale abbiamo un -2%.  Sono presenti emergenze Galliche e Picene del IV e V secolo a.c. per passare ai siti ellenistici di Cuma (Monte Rinaldo), Numana e Ancona, sino alle città e siti romani distribuiti su tutto il territorio (vedi la Carta archeologica delle Marche sul sito cultura.marche ), a queste vanno aggiunte opere come per esempio gli acquedotti o opere in sotterraneo o ancora costruzioni più recenti come per esempio installazioni militari che fanno parte di una archeologia più recente. Tutte aree che sono si censite ma non adeguatamente indagate (Cuma, area di Monte Primo e zona di Colfiorito solo per citare alcuni esempi) e che sicuramente rappresentano un potenziale enorme verso la consapevolezza che investire nella cultura significa investire in qualità e può divenire una risorsa economica diffusa sul territorio. L’importanza di uno studio litostratigrafico del sito, dei litotipi presenti, della geologia, della geomorfologia e dell’idrogeologia è alla base per una corretta comprensione dei meccanismi che hanno determinato l’evoluzione sia fisica che antropica del territorio”.

 

Domani esce il documento dei geologi

 

“Alcuni siti  sono in zone con evidenti problemi di dissesto idrogeologico . Nella conferenza stampa di domani punteremo il dito anche sui siti di notevole interesse geologico ed archeologico che andrebbero valorizzati – ha concluso Andrea Pignocchi , Presidente dell’Ordine dei Geologi delle Marche – ma presenteremo un rapporto dettagliato sullo stato di salute del territorio ed una vera road map da seguire. Per la prima volta presenteremo  un documento ben preciso che anticiperemo alla stampa ed invieremo alle istituzioni oltre che ai candidati alla Presidenza della Regione . Domani ci saranno i dati sul rischio sismico e sul rischio idrogeologico . Siamo in una regione dove abbiamo avuto morti ed alluvioni . Nelle Marche sono state censite 42.522 frane   e si stima che il 19% del territorio, circa 1.600 chilometri quadrati (Kmq), è a rischio idrogeologico (censite 42522 frane tra cartografabili e non), 190 kmq a rischio esondazioni, 6 kmq a rischio valanghe con il risultato che il 99% dei comuni marchigiani è interessato da dissesti.  Il nostro documento ad un anno dai tragici eventi di Senigallia”.

 

Giovedì  i geologi illustreranno slides , dati, immagini con un rapporto sullo stato di salute del territorio delle Marche .

 

Conferenza stampa per la presentazione del documento elaborato dal Consiglio dell’Ordine dei Geologi delle Marche “OBIETTIVO MARCHE SICURE – LE PROPOSTE DEI GEOLOGI” .

 

Domani – Giovedì 21 Maggio – Ore 11 – Sala Briefing – Ordine Geologi delle Marche – in Corso Garibaldi 28

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.