«Nelle Marche i rifiuti di Roma. Il biodigestore a Jesi pensato per questo?» | | Password Magazine
Festival Pergolesi

«Nelle Marche i rifiuti di Roma. Il biodigestore a Jesi pensato per questo?»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Le Marche riceveranno i rifiuti di Roma. Il mega biodigestore a Jesi potrebbe essere stato pensato per questo. C’è bisogno di chiarezza. Il Consiglio Comunale discuta, la Regione sia interrogata, i cittadini sappiano». Ad intervenire nel dibattito, è Rifondazione Comunista di Jesi: «Nei giorni scorsi è diventata “ pubblica” la notizia di un accordo tra la regione Lazio e le Marche per il conferimento negli impianti della nostra regione  di parte dei rifiuti della Capitale, grazie alle  dichiarazione del Presidente e segretario nazionale del Pd Nicola Zingaretti fatte durante la sua partecipazione ad una nota rubrica televisiva.

Di questo accordo poco se ne sa (tempi, quantità, impianti e località individuate) anche se dubitiamo del fatto che sia stata attivata la procedura senza l’informazione e il coinvolgimento degli ambiti territoriali e delle relative strutture tecniche che li gestiscono. Certo è che alla luce di questo fatto (nessuno ha mai smentito) assume luce nuova anche la scelta della realizzazione del biodigestore dell’ambito anconetano che dovrebbe essere istallato nella nostra città, e trova plausibile spiegazione il motivo (che sembrava arcano)  di un dimensionamento dello stesso ben superiore alle necessità della nostra provincia. È chiaro che tutto questo merita chiarezza anche perché aggiungerebbe elementi importanti di giudizio sul modello di gestione dei rifiuti ( il cui piano, per altro è ancora in fieri) da metter in pratica nella nostra provincia. Già in alcuni comuni dei consiglieri comunali hanno inteso attraverso interrogazioni chieder ulteriori chiarimenti e, soprattutto, impegnare le amministrazioni a chiedere chiarezza ed informazioni agli organi dell’ Ato e della regione.

Se altrove era necessario , a Jesi è indispensabile visto anche il dibattito in città, l’impegno di tanti cittadini e in particolar modo del Comitato della Coppetella. Ci sentiamo di sollecitare questa iniziativa al Consiglio Comunale di Jesi e, in particolare, di chiedere a Jesi in Comune, il gruppo che abbiamo contribuito ad eleggere, di essere protagonista di questa iniziativa».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.