"Nessuno Tocchi Pergolesi", il Comitato chiama la città al Referendum sullo spostamento del monumento

JESI – “Nessuno tocchi Pergolesi“: è questo il nome del neo comitato cittadino che accoglie tra le propria fila volontari attivi decisi a contrastare la scelta dell’Amministrazione comunale di spostare il monumento dedicato al musicista jesino dalla posizione attuale.

Secondo il progetto di restyling di piazza Pergolesi, in programma per la prossima primavera, infatti, l’opera andrebbe arretrata rispetto al Corso, così da ricavare un ulteriore spazio che renderebbe la piazza più fruibile ai cittadini e in grado di accogliere eventi e manifestazioni.
L’intervento prevede l’abbattimento degli alberi con ripristino dell’area verde e il “trasloco” dell’edicola verso via XV settembre. La riqualificazione della piazza, progetto ereditato dalla precedente Amministrazione e ritenuto meritevole dalla vigente, sarebbe possibile grazie ad un contributo regionale inserito nell’ambito del programma “Piperru”. Fondi che, vincolati al piano di recupero della piazza, andrebbero persi se non trovasse attuazione.

Sono 17 i firmatari di una lettera, inviata con raccomandata a mano, indirizzata al sindaco Bacci nell’intento di proporre un referendum abrogativo affinché il progetto riguardante la statua venga ritirato. Nella lista gli ex sindaci Vittorio Massaccesi, Gabriele Fava, Marco Polita, il presidente della Fondazione Carisj Alfio Bassotti, il segretario del PD Jesi Pierluigi Santarelli e i nomi di Ero Giuliodori, Sergio Marinelli, Giuseppe Landi, Osvaldo Pirani, Massimiliano Giorgi, Lorenza Cappanera, Luca Polita, Liliana Uncini, Mauro Paolinelli, Federico Tardoli, Emanuela Marguccio, Roberto Vecci. 

“Abbiamo già si piazze in città da riservare ad eventi e manifestazioni – fa sapere il primo firmatario prof. Vittorio Massaccesi – A nostro avviso, non serve una settima piazza che diventi un inutile lastricato e che dividi il monumento da chi fruisce del Corso. Piazza Pergolesi è bella così come è e il monumento non merita di essere spostato 15 metri più in fondo rispetto alla zona di passeggio”.

La spesa totale esecutiva per la riqualificazione della piazza è di circa un milione di euro, di cui 437.728 euro tramite contributo regionale e 522.271 con fondi dell’Amministrazione provenienti dalla vendita degli alloggi comunali di Largo Saponari all’Erap. La spesa per lo spostamento della statua ammonta invece a 28 mila euro: “Questo milione di euro va tenuto presente e speso per il restyling di piazza della Repubblica o di Corso Matteotti – continua Massaccesi – e non per rovinare un’opera d’arte risalente al 1910,  eredità dello scultore Alessandro Lazzerini di Carrara: la paura è che il monumento, con lo spostamento, possa rovinarsi. E a poco servirebbe la copertura assicurativa se il patrimonio storico e artistico della nostra città venisse irrimediabilmente danneggiato”.

Ecco perché il Comitato decide di passare all’azione, per evitare che, a detta di Massaccesi, “questa decisione resti nelle mani delle quattro persone che, a maggio, hanno approvato questa delibera: il Sindaco e i tre assessori presenti in Giunta”.

Una volta presentata l’istanza di promozione del referendum dal parte del Comitato “allo scopo di di conoscere il parere di tutta la comunità civica in riferimento al progetto di spostamento del monumento di G.B. Pergolesi“, un Comitato di Garanti procederà entro 30 giorni alla valutazione della richiesta, giudicando se il contenuto del Referendum sia accettabile o meno. Se concessa l’approvazione, il Comitato avrà 60 giorni di tempo per raccogliere 2000 firme tra i residenti aventi il diritto al voto. Solo allora si potrà andare alle urne.

Il Referendum, che sarà abrogativo, sarà formulato nel seguente modo: “Siete favorevoli che debba essere respinto il  progetto dell’Amministrazione comunale di Jesi relativo allo spostamento del monumento a Giovanni Battista Pergolesi eretto presso la piazza omonima di Corso Matteotti nel 1910?”.

“La questione è tutta lì – commenta Massaccesi – Non siamo contrari al restyling della piazza ma allo scivolamento dell’opera in fondo”.

Le spese per il referendum, in quanto espressione del volontariato, saranno coperte dai promotori e dai cittadini con contributi di solidarietà: in tutto, l’ammontare sarà di circa 8 mila euro.

“Il problema è culturale ed artistico: il monumento è stato pensato dallo scultore che lo ha realizzato per essere fruito a 360 gradi e collocato in quella posizione cosicché i passanti potessero girarci intorno: ogni lato, infatti, è ricco di messaggi – aggiunge Gabriele Fava – Spostarlo di qualche decina di metri più giù, esiliare il povero Pergolesi in un angolo, significa negare ai cittadini questa possibilità: non vogliamo che la parte posteriore del monumento sia visibile solo alle auto che percorrono via XV settembre”. Poi, mostra un quadro, dono di un suo amico libico in visita Jesi. Incorniciato, c’è il ritratto del monumento a Pergolesi:

“Ecco come gli stranieri leggono e percepiscono la città: da uomo di cultura, ha scelto di ritrarre l’opera dedicata al musicista, dimostrando di comprenderne l’importanza e il significato per noi jesini”.  “Non sarebbe migliore la scelta di destinare i fondi per liberare l’abside della Chiesa di San Nicolò? – è la riflessione di Osvaldo Pirani – Allora sì che la piazza acquisterebbe una nuova prospettiva”.

(Chiara Cascio)

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*