Astralmusic

Nessuno Tocchi Pergolesi: «Lavori sospesi in piazza, speriamo in un ripensamento»

JESI – Il Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi invia le ultime considerazioni sul cantiere in piazza Pergolesi: «Anche se la barriera eretta attorno al monumento Pergolesi impedisce di seguire passo passo il cammino dei lavori verso il progetto di allontanamento del monumento storico  dalla sua sede originaria, non ci è difficile essere aggiornati grazie anche al solerte impegno dei giornalisti jesini e anche alle notizie che ci giungono in via ufficiosa qua e là. Sta di fatto che tra le positive notizie è da annoverare la prudenza con cui sta operando la Soprintendenza. Una Soprintendenza che ha ricevuto negli ultimi mesi tre nostre raccomandate, alle quali non è mai stato dato alcun riscontro; tuttavia fa piacere constatare la loro attuale presenza presso chi di dovere se è vero che si vuol procedere con tutte le garanzie che l’opera comporta date le incognite ipogee di un monumento storico il cui spostamento potrebbe veramente determinare problemi tecnici di rilievo. Nell’ultima raccomandata al direttore della Soprintendenza e al sindaco di Jesi, abbiamo scritto quanto esperti ci hanno suggerito di richiedere – riportiamo testualmente – “un’accurata indagine dello stato della zona ipogea interessata, ma anche e più ancora una preventiva diagnosi del monumento prima di procedere al suo spostamento con l’effettuazione di analisi strumentali in situ , ad esempio mediante termografia infrarossa per monitorare eventuali situazioni critiche relative ad interventi avvenuti nel corso di precedenti restauri e con fluorescenza di raggi X portatile per l’accertamento di fenomeni di degrado del marmo…”

Il comitato Nessuno Tocchi Pergolesi apprezza la prudenza della Soprintendenza che pretende la presenza costante di un archeologo durante tutti i lavori di scavo. Prende anche atto con fiducia che qualche cosa di rilevante cambi nel progetto originario dopo le notizie di questi ultimi giorni.  Che l’amministrazione si prenda ancora alcune settimane di riflessione sospendendo ogni lavoro, dispiace per il sacrificio che viene chiesto ai gestori dei negozi della zona, ma dà speranza a tutti i cittadini che il progetto non sia rivisitato soltanto per il problema dell’edicola, ma che ci sia un ripensamento anche per il previsto  spostamento del monumento. Un ripensamento che andrebbe straordinariamente bene se, come sembra, si tenterà con convinzione di risolvere l’annoso problema della liberazione dell’abside di san Nicolò. Un sogno che comporta l’unisono tra l’amministrazione, la proprietà e la Soprintendenza. E viene anche da aggiungere che, senza entrare nel merito della questione,  se il vice sindaco Butini, a proposito della proposta di cambiare il nome del comprensorio Duca Amedeo di Savoia, ha espresso l’opportunità che si tenga presente anche la realtà storica perché la intitolazione risale ad oltre 70 anni fa, realtà storica di ben maggiore rilievo, sotto tanti aspetti, è la realizzazione e la posizione del monumento Pergolesi. E’ lì per volontà degli avi da ben 118 anni. Una grande realtà storica che va ben valorizzata proprio,  come ci suggerisce Butini, appellandoci alla storia come criterio generale di giudizio».

1 Commento su Nessuno Tocchi Pergolesi: «Lavori sospesi in piazza, speriamo in un ripensamento»

  1. Francamente, dopo aver visto il “rendering” del progetto, si ha la sensazione che la realizzazione della nuova piazza restituisca un risultato gradevole visivamente e utile per la fruizione, da parte dei cittadini, di uno spazio attualmente esistente ma non utilizato come si potrebbe.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*