Neve, previsti peggioramenti | Password Magazine
Festival Pergolesi

Neve: previsti peggioramenti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Le previsioni meteorologiche segnalano un intensificarsi dei fenomeni nevosi che si protrarranno fino a martedì 7 febbraio, con possibili cumuli fra i 30 e i 50 centimetri di neve.

Lo prevede la Protezione civile marchigiana che ha fatto il punto della situazione nel corso della  riunione del Centro operativo regionale (Cor). Tutto il sistema sta operando a pieno regime per fronteggiare l’emergenza, assicurando “una presenza in servizio del personale adeguata alle esigenze”. Sul fronte della viabilità stradale, la circolazione è garantita lungo le arterie principali con dotazioni invernali, eccetto sul valico di Bocca Trabaria, nel Pesarese. Difficoltà permangono, invece, nella viabilità minore, specie nelle zone alto collinari e montane, dove la neve ha raggiunto i due metri.

Un problema particolare è rappresentato dai Tir fermi sui traghetti nel porto di Ancona – per disposizione della Prefettura – privi di catene o pneumatici da neve. I Vigili del Fuoco sono intervenuti per rimuovere il blocco in zona “Caffetteria” (alle porte di Ancona) causato dai mezzi pesanti in difficoltà, mentre gli autisti sono stati assistiti dal volontariato della protezione civile. Alcuni mezzi, però, tentano di evitare i posti di blocco e di filtraggio, utilizzando percorsi alternativi, finendo per fermarsi in luoghi dove è difficoltoso assisterli. Gli interventi nelle zone più critiche sono destinati a intensificarsi, a seguito dell’arrivo di una turbina dalla Regione Valle d’Aosta e di una squadra dalla provincia autonoma di Bolzano. Il trasporto del personale sanitario viene garantito dall’Anpass (Pubbliche assistenze) e Croce rossa. Dato il prolungarsi del maltempo, si cerca ora di organizzare un servizio navetta per liberare mezzi da destinare all’emergenza. L’aeroporto Raffaello Sanzio di Falconara verrà rifornito di maggiori scorte di sale, per garantirne l’operatività. Il traffico ferroviario segnala rallentamenti verso Roma, mentre lungo la linea adriatica le maggiori difficoltà si incontrano in direzione nord. Restano ancora 900 utenze elettriche scollegate, di cui 200 riguardano però il comune di San Leo, passato sotto la Regione Emilia Romagna. L’Enel sta operando per ripristinare le linee, ma alcune situazioni presentano maggiori difficoltà, in quanto i luoghi interessati dai danni non sono raggiungibili con le motoslitte , mentre le condizioni meteo non consentono l’impiego dell’elicottero.

Neve e trasporti

La provincia di Pesaro e Urbino continua a risultare quella dove persistono le maggiori difficoltà. In questa provincia, in particolare, resta critica la situazione dell’erogazione dell’energia elettrica: circa 600 utenze rimangono ancora non servite. Analoghe interruzioni, seppure in numero inferiore, coinvolgono anche il resto della regione. Il Cor raccomanda di accordare la precedenza dei rispristini alle zone con utenti che utilizzano strumentazioni salvavita alimentate dall’energia elettrica.
Sul fronte dei collegamenti stradali, la circolazione è possibile lungo le principali arterie, anche se con rallentamenti e difficoltà, comunque con catene o pneumatici da neve. Eccezioni riguardano, nel Pesarese, il passo di Bocca Trabaria e, nell’Ascolano, Forca di Presta. Nel porto di Ancona i Tir non vengono fatti sbarcare dai traghetti per non peggiorare la situazione lungo la viabilità regionale. Più critica risulta la situazione lungo le strade comunali in quanto, in alcune zone, la neve ha raggiunto i due metri di altezza e la rimozione è possibile solo con turbine e macchinari di grande dimensione. Permangono poi difficoltà legate alla chiusura improvvisa di alcune tratte autostradali.
Difficile risulta inoltre la situazione del trasporto ferroviario, causata dal brusco calo delle temperature che rallentano i dispositivi e dai ritardi dei convogli nazionali.
Complessivamente la struttura regionale di risposta è pienamente operativa: Vigili del Fuoco, Forze di Polizia, personale di Comuni, delle Province, dell’ANAS e delle società che erogano servizi pubblici essenziali stanno ormai operando ininterrottamente da alcuni giorni.

Il sistema sanitario e ospedaliero ha funzionato a pieno regime, senza particolari situazioni di criticità. A richiesta delle Centrali Operative del 118, ANPASs e Croce Rossa hanno incrementato il numero delle ambulanze in servizio.
La Sala operativa regionale svolge attività di raccordo delle Sale operative provinciali informando con continuità il presidente della Regione Spacca.

Comunicato da: Regione Marche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.