Niba espone a Jesi. Il trionfo del feticismo a Palazzo Pianetti | Password Magazine
Festival Pergolesi

Niba espone a Jesi. Il trionfo del feticismo a Palazzo Pianetti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Mi ero ripromessa di fare un articolo sulla mostra di Niba  “Autòmata  , allestita presso la Galleria d’Arte Conteporanea di Palazzo Pianetti, inaugurata lo scorso 5 ottobre e aperta al pubblico fino al 27.

Ad incuriosirmi la notizia di una gigantesca bambola in stile pop-fetish che gira su stessa su un piedistallo, a mo’ di carillon, sulle note di una melodia tratta dalle scene finali del film Casanova di Federico Fellini. Solo questo fa pensare ad un’artista inusuale, con quel quid che la distingue nel panorama artistico locale e non solo.

Ma chi è Niba?

Michela Nibaldi, in arte Niba, è una scultrice di Recanati, affermatasi come artista per la realizzazione di opere in stile pop fetish, che l’hanno spesso portata a paragoni col famoso artista inglese Allen Jones. Come quest’ultimo, autore di sculture erotiche che molto attingono all’immaginario feticista, Niba riproduce nei minimi dettagli realtà fetish e trasgressive, nelle quali i concetti di bellezza e delicatezza giocano e si confondono coi loro contrari.

Giunta nella sala ottogonale , dove è allestita la mostra, mi ritrovo davanti ad uno scenario a dir poco surreale.

Oltre all’enorme bambola, che senza dubbio richiama su di sé gran parte dell’attenzione, sono  disposti lungo il perimetro della sala altri carillon più piccoli, di circa 30 cm di altezza, dove le tradizionali ballerine su una gamba sola sono state sostituite da donne di plastica, dalle acconciature stile manga giapponese, strette in bustini da boudoir fin de siécle.

Non sono vere queste donne, sono piuttosto corpi femminili inorganici che mancano di essenza, dissacrate e ridotte a puro oggetto sessuale, alienate tra merletti, parrucche colorate, abiti in lattice e tacchi a spillo, prive e private della loro identità. Bambole robot senza occhi, spesso dal volto coperto da una maschera che ne nascondono l’ espressione, rappresentano l’idea di una donna artificiale, fredda, priva di emozioni.

Automàta per l’appunto, robotica e riprodotta in serie, schiava del desiderio, programmata per essere oggetto e soggetto di seduzione.

Innocenza e trasgressione, normalità e perversione si scontrano, in un gioco di conflitti richiamato anche dallo stile pop-fetish delle opere in contrasto con le affrescate sale del settecentesco Palazzo Pianetti.

L’infanzia, rievocata dalle melodie del carillon, appare distrutta e violata dall’imporsi dell’erotismo e la bambola, dal mondo dei balocchi, finisce per diventare un oggetto sessuale priva di pudicizia, meccanica e vuota.

Niba elabora un immaginario che rimanda a volte al mondo mediatico, a volte al mondo fiabesco,  analizzandone le idolatrie, esaltandone il carattere pop o gli estremismi iperrealistici.

Una mostra da vedere, sicuramente, per riflettere sui modelli della società moderna, sul concetto di femminilità, da non confondere con la volgarità, in un viaggio tra realtà e immaginazione che colloca Niba tra gli artisti di arte contemporanea di rilievo internazionale.

Autòmata

Palazzo Pianetti 
Galleria d’Arte Contemporanea
Jesi

dalle ore 10.00/13.00 alle 16.00/19.00
chiuso il lunedì
Ingresso gratuito

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.