Nicola Binda (Gazzetta): «Bene l'Ascoli» | Password Magazine
Festival Pergolesi

Nicola Binda (Gazzetta dello Sport): «Ascoli può far bene, dov’è l’Ancona?»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Nicola Binda, caposervizio della Gazzetta dello Sport, si occupa da anni del calcio di Serie B e Serie C. Il giornalista piemontese è un’istituzione per chi segue queste categorie – Binda è presente spesso anche a Sportitalia come opinionista – ed è un autentico esperto del calcio italiano in ogni declinazione. In occasione della consegna del Premio Giuseppe Luconi, Nicola Binda ha parlato a Password della condizione del calcio marchigiano e della sua squadra di punta, l’Ascoli, l’unico club marchigiano in Serie B e la cui tifoseria è da tempo gemellata con quella dei Leoncelli di Jesi.

D: Nicola, che campionato si prevede per l’Ascoli? 

R: La nuova società si sta ambientando bene nonostante anno scorso la situazione sia stata complessa. Ci hanno messo un annetto per capire come inserirsi in un contesto difficile come la Serie B e per ambientarsi, ma vogliono costruire un progetto importante. Bertotto è un allenatore molto preparato e molto serio, che dovrà dimostrare di poter lavorare in questa cateogira perché non c’è mai stato. E’ comunque un ragazzo bravo e preparato e inizia a lavorare in una piazza dove, negli anni, di allenatori bravi ce ne sono stati tanti.

D: La Serie B poi sta crescendo ogni anno …

R: E’ un po’ la bellezza della Serie B: c’è sempre un equilibrio per cui tutti possono vincere e tutti possono retrocedere. Un caso è quello dell’anno scorso, con lo Spezia in Serie A e il Perugia in C. Sono state sorprese imprevedibili che hanno reso avvincente il campionato. E quest’anno credo che sarà ancora così, le squadre neopromosse sono pazzesche (il Monza, il Vicenza, la Reggina e Reggiana, ndr) e con i club scesi dalla Serie A ci saranno sette nuove squadre importanti: la B è un campionato che si rinnova sempre e rimane di qualità. Poi la bellezza delle partite può risultare soggettiva, ma di sicuro l’incertezza è sintomo di spettacolo.

D: Quattro club marchigiani in Serie C: che futuro?

R: Va detto che per tutti sarà molto difficile perché il protocollo della Serie C per ripartire dopo il covid rimane molto costoso. Ci sono molte incognite: non mi sorprenderebbe se la partenza del campionato venisse rinviata finché non ci saranno delle situazioni più normali. Vedo molto fermento e vivacità sul mercato a Pesaro, ma sono molto curioso di vedere quello che farà la Sambenedettese. Serafino è un presidente molto appassionato che ragione a 360 gradi, non lavora solo sulla squadra ma anche sull’ambiente, vedi i lavori che sta facendo allo stadio … Il Matelica (che con la Jesina gioca il derby del Verdicchio, ndr) è una piccola realtà che però vivrà questo momento come una situazione storica: arrivare a giocare con squadre come la Triestina o il Perugia (se saranno in questo girone, come sembra) sarà un evento unico. Sarà un bel viaggio da vivere con grande emozione: se riusciranno a salvarsi, ancora meglio.

D: Ascoli in Serie B e ben quattro marchigiane in Serie C: il calcio nelle Marche è un movimento in crescita?

R: Come regione ha una rappresentanza abbastanza diffusa. Certo manca la Serie A ma negli anni le Marche hanno avuto squadre che ci hanno giocato (Ancona e Ascoli, ndr). La grande assente da questo quadro è ovviamente l’Ancona, che ora è in Eccellenza, ma chissà che non riesca a trovare le condizione giuste per tornare nei professionisti che è il minimo per una piazza del genere.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.