Nicolò, lo “jesino de Ancona”: poeta dialettale a 13 anni

Intervista a Nicolò Mengucci, vincitore del concorso “Versi liberi nella notte” 2018

Nicolò Mengucci

JESI – Cos’è la poesia? Se lo sono chiesto in tanti. Nicolò Mengucci, tredici anni, jesino, lo sa bene: «È un modo per esprimere i miei pensieri, i sentimenti, le gioie per una vittoria e il dispiacere per una sconfitta». I primi versi sono nati per caso, quando un insegnante della sua scuola, la media Leopardi, ha ideato il concorso per studenti della scuola secondaria di primo grado dell’istituto comprensivo Carlo Urbani Jesi – Santa Maria Nuova “Versi liberi nella notte”. Nata nel 2017, la manifestazione è frutto di un’idea del prof. Sergio Cardinali, il cui nome è assai noto in città, anche in ragione della scuola musicale Pergolesi, di cui è direttore, nonché per l’attività di romanziere.  «I contenuti erano buoni, ma scrivendo cadevo nella grammatica. La poesia mi ha aiutato a migliorare l’esposizione». Classe 2005, Nicolò è un ragazzo pieno di interessi: frequenta il gruppo scout di Jesi 6 e ha partecipato a più di un’edizione del Palio di San Floriano, ma la sua grande passione è la pallanuoto, sport che pratica da cinque anni nella categoria degli under 13, sebbene non siano mancate le convocazioni anche nelle classi più alte, under 15 e persino 17. «La pallanuoto e la poesia riescono a tirare fuori il meglio di me». Ed è proprio alla calotta, ossia il copricapo del giocatore di questa disciplina sportiva, che Nicolò ha dedicato una lirica, eloquente e appassionata: Quando la indosso mi sento un re con la corona/mi dà forza/mi dà coraggio/e la grinta mai mi abbandona. Ma le sorprese intorno a questo giovanissimo autore non finiscono qui, perché i suoi versi si inseriscono nel solco di una illustre tradizione, quella della poesia in vernacolo, nobilitata localmente da personaggi quali, tra gli altri, Jacopone da Jesi, al secolo Giacomo Magagnini, Lello Longhi ed Ezio Felicetti alias Martin Calandra. In bocca a Nicolò, le rime acquistano la freschezza di un animo sereno e gioioso, che guarda alla vita con olimpica gaiezza, come in “Sono jesino de Ancona”, arrivata seconda al concorso “Versi liberi nella notte” edizione 2017. Il telefono ce piace tanto/ma io preferisco corre all’aria aperta, su per un campo/me piace giocà corre dietro a un pallo’: alcuni versi de Il telefono senza fili, la poesia che è valsa a Nicolò il primo posto nell’agone poetico scolastico di quest’anno, restituiscono il senso di libertà del sano giocare dei ragazzi di una volta. E fanno riflettere, lasciando affiorare il sorriso: «Scrivo in dialetto, perché in parte lo parlo e mi risulta più simpatico; con il dialetto riesco a parlare anche di temi importanti, ma in maniera più diretta e semplice». So’ nato a Jesi e mi piace muntobè,/ma nel mio cuore pure il posto per l’Ancona c’è. Lo so è una cosa strana, ma metà della mia famiglia è anconetana. Jesino o Anconetano? Il dilemma amletico sulla scelta della favella non poteva non essere risolto che con la diplomazia: «Per non fare torto a nessuno – mi rivela al telefono, con un sorriso che avverto affiorare sulle labbra – perché mamma è di San Paolo e babbo di Ancona».

A cura di Marco Torcoletti

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*