Niente impianto a Pozzetto ma timori su Sogenus. Il Comitato: «Non abbasseremo la guardia».

CASTELPLANIO – Applausi ieri sera per il Comitato a Tutela di Castelplanio e altri comuni limitrofi. Alla riunione convocata a Castelplanio Stazione, i numerosi cittadini presenti hanno espresso soddisfazione alla presidente Emanuela Merli per i risultati raggiunti da tutto il Direttivo.  «Abbiamo spiegato quali sono state le azioni messe in atto dal comitato che hanno portato al dietrofront del sindaco Badiali – fa sapere la Merli – la gente ha ascoltato con molto interesse la questione dell’inquinamento del sito di Pozzetto». Presente in rappresentanza dell’Amministrazione comunale il sindaco Fabio Badiali che ha risposto a tutte le domande dei cittadini, ribadendo che  la storia dell’impianto a Pozzetto è definitivamente chiusa. Resta il timore, espresso da molti durante l’incontro, di un possibile ripiego dell’Ata sulla zona Sogenus come possibile sede per l’impianto che dovrà trovare collocamento all’interno del territorio provinciale: «Come direttivo, abbiamo spiegato che all’incontro all’Ata di mercoledì scorso è stato chiesto riguardo queste voci – spiega Merli -. Tuttavia, secondo quanto hanno riferito i tecnici, attualmente non vi è alcun atto formale o disponibilità data da Maiolati Spontini. Come comitato non intenderemo comunque abbassare la guardia e ci adopereremo  per la tutela dei cittadini».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.