Niente telecamere negli asili nido ma tutela del benessere degli educatori

JESI – In risposta al progetto di legge approdato in Senato che prevede l’uso delle telecamere negli asili nidi italiani, l’assessore ai Servizi alla persona Marisa Campanelli ha ideato un interessante progetto.

In collaborazione con la dottoressa Romina Pulita, psicologa e psicoterapeuta sistemico-relazionale, il Comune di Jesi ha dato il via ad un progetto che ha come obiettivo quello di promuovere e mantenere il benessere dell’educatore, prendersi cioè cura di coloro che quotidianamente si occupano dei bambini degli asili nidi, rafforzando la figura dell’educatore e fronteggiando in maniera positiva le criticità e gli aspetti difficili che il lavoro implica.

Il progetto è partito il 15 novembre ed ha la durata di 6 mesi, per un costo di circa 6.000 euro e per un totale di 19 ore mensili. Si partirà da due asili nidi comunali della città, cioè l’asilo nido O. Romero e l’ Oasi. Qui la psicologa metterà a disposizione la sua esperienza per ore di formazione, gruppi di lavoro e sportello di ascolto.

“Essere insegnanti di asilo nido è altamente stressante – commenta l’assessore Campanelli –  è una delle professioni che ha il più alto livello di stress lavoro-correlato; ciò induce a stanchezza e meno tolleranza verso le reazioni dei bimbi. Abbiamo per nostra fortuna nei nostri nidi delle educatrici molto capaci e vogliamo preservarne la loro salute psicologica”.

Punti focali del progetto sono i corsi di formazione in cui saranno effettuati degli approfondimenti tematici per portare degli stimoli e dei contributi metodologici e teorici rispetto al lavoro. Previsti anche gruppi di supervisione, in cui si lavorerà per affrontare da vicino le difficoltà che l’educatore può vivere nel quotidiano e costruire insieme delle strategie efficaci, e lo sportello di ascolto messo a disposizione del personale scolastico (ausiliari inclusi) e dei genitori, con possibilità di confrontarsi direttamente con la psicologa Pulita per trovare una soluzione alle loro problematiche con serenità.

“L’obiettivo – commenta la dottoressa Pulita – è costruire insieme delle soluzioni che vadano bene per la quotidianità”.

In totale sono 20 le persone coinvolte per la formazione e i gruppi di lavoro che per 3 ore al mese (dedicate alla formazione) e 2 ore alla settimana (per i gruppi di lavoro) si confronteranno e cresceranno insieme, per far fronte a dubbi e tematiche che affrontano nella loro quotidianità.

Dunque, aiuto concreto per il personale scolastico e per le famiglie, che si muove nell’ottica di prevenzione e non di controllo.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*