Nikita, non ci sarà una cerimonia collettiva causa disposizioni sanitarie nazionali | | Password Magazine

Nikita, non ci sarà una cerimonia collettiva causa disposizioni sanitarie nazionali

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Causa emergenza Coronavirus, non ci sarà cerimonia funebre per Nikita Panfoli, il 16enne scomparso venerdì a Castelbellino.
Le disposizioni sanitarie nazionali vietano infatti grandi assembramenti di persone, in luoghi sia pubblici che privati. Pertanto, si potrà dire addio al giovane Nikita solo facendo visita alla salma direttamente alla Casa Funeraria Bondoni di Casteplanio (in via dell’Industria), dove sarà disponibile alle visite dalle 15 di domani. Mercoledì alle 16 il feretro sarà poi accompagnato direttamente al cimitero di Moie.

Limitazioni che aggiungono dolore al dolore ai genitori che avrebbero voluto non tanto un rito religioso – Nikita era ateo, aveva specificato il papà sui social – quanto piuttosto un momento di commiato dove radunare tutti, familiari, amici e coloro che gli volevano bene, magari proprio al campo da rugby attraversato tante volte dal giovane quando era in vita.
«Apparentemente sembra che non riusciamo neanche a salutare Nikita come vorremmo – spiegano i genitori – ma siamo certi che appena questo incubo passerà lo faremo nel migliore dei modi e sarà ancora più bello e potrete venire tutti e non dovremmo più preoccuparci di baciarci e abbracciarci perché questa era una cosa che Nikita faceva con tutti e che vorrebbe anche per noi».

Intanto, sono attesi per oggi i risultati dell’autopsia, disposti dalle autorità competenti per chiarire le cause del decesso.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.