No Biogas Marche. "La Regione fermi gli impianti". | | Password Magazine
Festival Pergolesi

No Biogas Marche. "La Regione fermi gli impianti".

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Grande successo della manifestazione dei comitati NO BIOGAS/BIOMASSE  MARCHE  tenutasi sabato scorso ad Ancona. Alla manifestazione si sono uniti anche altri comitati ed altre associazioni che si battono contro lo scempio ambientale dei nostri territori e per la difesa dei Diritti dei cittadini.

Ha preceduto la manifestazione una conferenza stampa che ha visto partecipi tutte le principali testate giornalistiche e televisive locali.

Durante la stessa sono state ribadite le motivazioni di dissenso nei confronti dell’insediamento di certi impianti nei nostri territori, avvenuto spesso senza tenere in adeguata considerazione i cittadini interessati, il loro diritto incoercibile alla Salute ed alla tutela delle proprietà.

I Comitati hanno annunciato le loro prossime iniziative di natura procedurale e legale per esigere dalle istituzioni, Regione in primis, il rispetto della legalità e delle normative GIA’ vigenti, nazionali e comunitarie. Tali azioni saranno volte a produrre: 1) memoria legale, per ribadire la sussistenza delle condizioni per l’adozione di provvedimenti in autotutela volti alla sospensione doverosa ed immediata delle autorizzazioni rilasciate ed in itinere; 2) Informativa/esposto alla Corte dei Conti: la situazione creatasi con la L.R. 3/2012 che presenta palesi vizi di incostituzionalità, espone l’Ente regionale a possibili danni erariali, per i quali chiameremo in causa gli amministratori ed i dirigenti, in base alle proprie responsabilità personali determinate dal loro ruolo; 3) verifica nelle sedi competenti della reale sussistenza, per alcune aziende proponenti, dei requisiti che definiscano lo status di “società agricola”, essenziale ai fini del conseguimento delle autorizzazioni.

Durante la manifestazione che ha visto la presenza di numerosi cittadini, la politica e l’apparato burocratico sono stati richiamati ad intervenire da subito al fine di far rientrare la situazione attualmente impresentabile in un quadro perlomeno decente di legalità, nel rispetto dell’ Ambiente della nostra Salute.

Nei prossimi giorni, informeremo la cittadinanza sulle ulteriori azioni che intraprenderemo, fermandoci solo quando questa ennesima vertenza creata dalla Regione non verrà definitivamente chiusa lasciando in pace i nostri territori e le nostre famiglie.”

Comunicato da: Comitati Tutela Ambiente e Territorio delle Marche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.