Matt Cancelleria
Vai al Sito

No Erap, comitato: «Amministrazione contribuisca al ricorso al Tar se contraria alla torre»

JESI – Di seguito il comunicato stampa inviato da Meetup “Spazio Libero” – Jesi e Comitato Parco del Granita:

«Al Consiglio Comunale del 23 novembre si è parlato ancora del palazzone che l’Erap vuole costruire con soldi pubblici nel già problematico quartiere di S. Giuseppe: ulteriore cemento invece di recupero dell’esistente.
Il Sindaco ed i consiglieri di maggioranza, che evidentemente non si aspettavano una così forte reazione popolare e l’effettiva presentazione del ricorso al Tar (nonostante tale strumento fosse stato suggerito dallo stesso Bacci durante un’assemblea pubblica!), sono intervenuti con delle dichiarazioni che lasciano trapelare una scarsa conoscenza della vicenda, sia dal punto di vista politico che giuridico.

Non potendo, infatti, in alcun modo controbattere sul merito del contenuto del ricorso, forse perché ineccepibile, hanno preferito concentrarsi sulla persona del ricorrente, cercando di dipingerlo come un cittadino sprovveduto e perfino manipolato che agisce in solitaria. Questa è una narrazione totalmente infondata: il cittadino firmatario ha con sé tantissime persone ed associazioni a sostenerlo. La portentosa riuscita dell’iniziativa “Risorgipeppe” lo dimostra chiaramente.
Magari, invece, sarebbe stato il caso di considerare il fatto che quando i cittadini sono costretti a ricorrere al Tribunale Amministrativo spesso significa che la politica ha fallito.

Il Sindaco inoltre dovrebbe spiegare come mai si sia schierato fin da subito dalla parte dei presunti diritti edificatori dell’Erap piuttosto che dalla parte dei diritti degli abitanti del popoloso quartiere jesino. Per quale motivo si è sempre rifiutato di aprire un tavolo di trattative con gli altri Enti Pubblici coinvolti?

Bacci e i suoi consiglieri dovrebbero sapere che un ricorso al Tar non è una semplice petizione che può essere firmata praticamente da chiunque, ma al contrario il firmatario deve dimostrare requisiti stringenti dal punto di vista dell’interesse e della legittimazione ad agire. Per quanto poi riguarda la richiesta di sospensiva ci sono ragioni di ordine processuale (non ultima la sussistenza o meno dell’irreparabilità del danno) che sarebbe forse meglio lasciare ai tecnici, e oltre a ciò ci sono da sostenere anche dei costi molto importanti: i residenti e le altre figure che stanno contrastando questa opera inopportuna e dannosa si stanno autofinanziando in ogni modo, anche attraverso eventi informativi e banchetti.

Il Sindaco e i suoi consiglieri volendo posso fare la loro parte: se sono contrari alla Torre Erap, come dicono purtroppo solo a parole, e se sono così interessati agli aspetti più tecnici del ricorso…facciano una generosa sottoscrizione all’Iban creato per continuare a finanziare l’iter processuale!».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*