No tasse per chi apre un'attività o assume, il centro storico diventa "NO TAX ZONE" | Password Magazine

No tasse per chi apre un'attività o assume, il centro storico diventa “NO TAX ZONE”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI  – Centro e borghi storici diventano “no tax zone” per le nuove attività del commercio e dell’artigianato che nascono.
Chi apre qui un negozio o un laboratorio, infatti, riceverà per tre anni dal Comune un contributo sostanzialmente pari a quanto sarà chiamato a versare nello stesso periodo per la tassazione locale. Lo prevede la bozza di Regolamento per la disciplina degli incentivi e delle agevolazioni alle imprese operanti nel Comune di Jesi su cui sta lavorando la Commissione consiliare presieduta da Maria Chiara Garofoli, d’intesa con la Giunta. In essa è previsto anche un contributo alle attività manifatturiere per assunzioni a tempo indeterminato a valere come riduzione della tassazione locale.

Un Regolamento che nasce da un ampio ed articolato confronto con le associazioni del commercio (Confcommercio e Confesercenti), dell’artigianato (Cgia e Cna), dell’industria (Confindustria) e con le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil per dare un segnale di sostegno a quegli operatori economici che investono in questo particolare momento.

Per quanto riguarda le agevolazioni alle nuove attività che nascono, il beneficio è previsto per quelle del commercio al  dettaglio in sede fissa (esercizio di vicinato)  e dell’artigianato. Consistono in un contributo per i 3 anni successivi all’inizio dell’attività fino ad un importo complessivo di € 1.500 per singola impresa. Tale cifra è pari alla media stimata della tassazione locale per numerose tipologie di negozi e laboratori (ad esclusione di quelli del settore alimentare o merce deperibile), comprendendo Tari, la percentuale Tasi a carico dell’inquilino e tassa pubblicità.

Saranno attribuiti punteggi maggiori alle nuova attività avviata da donne, giovani fino a 35 anni o soggetti che hanno perso lavoro.

Per quanto riguarda i cosiddetti “bonus assunzioni”, si tratta di un contributo per 3 anni (4 se si procede contestualmente ad un ampliamento della superficie o ad una nuova apertura per far fronte all’incremento occupazionale), riconosciuti ai datori di lavoro dell’attività manifatturiera per un importo non superiore a € 1.000,00 all’anno a fronte di ciascuna assunzione di lavoratore disoccupato o inoccupato.

Sono riconosciuti solo i contratti di lavoro a tempo indeterminato e contratti di lavoro a termine trasformati – entro 12 mesi dalla loro attivazione –  in contratti a tempo indeterminato, con un tetto massimo di sostegno pari a €.15.000.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.