No tax zone e accesso al credito per nuove attività produttive

JESI – Due nuovi importanti provvedimenti per lo sviluppo economico, settore verso il quale l’Amministrazione comunale intende confermare la massima attenzione.

Il primo è relativo alla “no tax zone”. Anche le attività del commercio e dell’artigianato sorte nel 2015, infatti, avranno tasse comunali praticamente azzerate per 3 anni grazie al nuovo bando che sarà pubblicato quanto prima. A beneficiarne saranno, in via prioritaria, le attività che si sono insediate in centro o nei borghi storici così come previsti dal Piano regolatore (San Giuseppe, Prato, via Roma, zona via Gramsci, ecc): riceveranno un contributo per i 3 anni successivi all’inizio dell’attività fino ad un importo complessivo di € 1.500. Tale cifra è pari alla media stimata della tassazione locale per numerose tipologie di negozi e laboratori (ad esclusione di quelli del settore alimentare o merce deperibile). Saranno attribuiti punteggi maggiori alle nuova attività avviata da donne, giovani fino a 35 anni o soggetti che hanno perso lavoro. Qualora le domande presentate dalle attività ricadenti in centro e nei borghi storici non esaurissero l’intera dotazione finanziaria del bando, i benefici saranno estesi alle attività sorte nelle altre parti della città, sulla base della graduatoria che verrà stilata.

Con il secondo provvedimento l’Amministrazione comunale ha inteso rimpinguare le risorse a disposizione delle attività economiche che ricorrono all’accesso al credito. Dalla scelta di rinnovare l’adesione al Fondo di Garanzia Marche, proprio grazie alle risorse comunali investite e alla premialità riconosciuta dalla Regione alla nostra città, i Confidi potranno garantire alle imprese di Jesi che si rivolgono al sistema creditizio finanziamenti per 1,1 milioni di euro in più rispetto alle imprese di altri territori.

Fino ad oggi, grazie alle risorse messe a disposizione del Comune, sono stati garantiti 81 finanziamenti a 76 imprese di Jesi per un volume complessivo di 3,5 milioni di euro.  A beneficiarne sono stati operatori che avevano richiesto accesso al credito in banca, in società di leasing o a società di intermediazione finanziaria nel periodo in cui i Confidi avevano già esaurito la dotazione che la Società Regionale di Garanzia aveva ricevuto da Regione, Provincia e Camera di Commercio. Proprio grazie all’apporto del Comune di Jesi, le loro operazioni sono subito andate a buon fine.

Jesi è stato tra i primi Comuni della regione ad aderire alla richiesta della Regione in questo progetto, nella consapevolezza che il tema dell’occupazione e dello sviluppo è strategico e che le comunità locali sono chiamate a svolgere la propria parte in maniera concreta e tangibile.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*