No tax zone, stanziati i primi 70 mila euro | | Password Magazine

No tax zone, stanziati i primi 70 mila euro

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Settantamila euro per le agevolazioni alle nuove attività del commercio e dell’artigianato che nascono in centro e nei borghi storici e per i bonus assunzioni delle imprese manifatturiere.

È questa la somma già individuata dalla Giunta comunale per attivare i primi bandi e che accompagnerà il nuovo Regolamento per il sostegno delle attività produttive che approderà nel prossimo Consiglio del 29 luglio. Prende dunque forma e sostanza l’impegno che l’Amministrazione comunale si era assunta per dare impulso all’economia del territorio attraverso interventi che potessero ammortizzare la tassazione locale.

“No tax zone” è stata definita l’area compresa tra il centro ed i borghi storici così come previsti dal Piano regolatore (San Giuseppe, Prato, via Roma, zona via Gramsci) dove le nuove attività che nascono, sia quelle quelle del commercio al dettaglio in sede fissa sia quelle dell’artigianato beneficeranno di un contributo per i 3 anni successivi all’inizio dell’attività fino ad un importo complessivo di € 1.500. Tale cifra è pari alla media stimata della tassazione locale per numerose tipologie di negozi e laboratori (ad esclusione di quelli del settore alimentare o merce deperibile), comprendendo Tari, la percentuale Tasi a carico dell’inquilino e tassa pubblicità. Saranno attribuiti punteggi maggiori alle nuova attività avviata da donne, giovani fino a 35 anni o soggetti che hanno perso lavoro. Per quanto riguarda i cosiddetti “bonus assunzioni”, si tratta di un contributo per 3 anni (4 se si procede contestualmente ad un ampliamento della superficie o ad una nuova apertura per far fronte all’incremento occupazionale), riconosciuti ai datori di lavoro dell’attività manifatturiera per un importo non superiore a € 1.000 all’anno a fronte di ciascuna assunzione di lavoratore disoccupato o inoccupato. Sono riconosciuti solo i contratti di lavoro a tempo indeterminato e contratti di lavoro a termine trasformati – entro 12 mesi dalla loro attivazione – in contratti a tempo indeterminato, con un tetto massimo di sostegno pari a €.15.000. Il Regolamento, come noto, nasce da un ampio ed articolato confronto con le associazioni del commercio (Confcommercio e Confesercenti), dell’artigianato (Cgia e Cna), dell’industria (Confindustria) e con le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil per dare un segnale di sostegno a quegli operatori economici che investono in questo particolare momento, con una attenzione particolare alle nuove attività di vicinato e alla vocazione manifatturiera del nostro territorio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.