«Noi baristi costretti a cacciare i clienti senza green pass: un disagio e una sconfitta» | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

«Noi baristi costretti a cacciare i clienti senza green pass: un disagio e una sconfitta»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Servire solo i clienti con green pass e mandare via gli altri: per noi baristi ancora limitazioni che segnano una sconfitta». Sono le parole di indignazione di Stefania Belardinelli, gestore della caffetteria e punto ristoro MetàBarMetàno di via Cartiere Vecchie, presso la stazione metano. Con l’entrata in vigore del Decreto «Festività», l’ultimo del Governo che introduce nuove misure per contenere la diffusione della pandemia, ora anche per consumare al bancone del bar è necessario esibire il green pass rafforzato: da Natale, solo guariti e vaccinati possono prendere in piedi il caffè o mangiare un panino all’interno del locale senza necessariamente sedersi al tavolo. «Una legge che costringe noi titolari di attività a mandare via i clienti, rinunciando non solo a un guadagno ma anche alla fiducia di chi si è sempre servito da noi – spiega -. I clienti messi alla porta spesso si infuriano e se la prendono con noi: eppure non abbiamo scelta, è la legge ad obbligarci a controllare. Alcuni diranno ‘peggio per loro, se la son cercata’…ma noi esercenti cosa c’entriamo?  Ancora una volta, siamo penalizzati noi che abbiamo sempre rispettato tutte le regole, ci siamo vaccinati e siamo rimasti chiusi quando dovevamo». Stefania racconta il disagio di dover mandare via anche gli avventori più affezionati ma che non hanno il super pass: «Alcuni, consapevoli di non poter entrare perché sprovvisti di certificazione, non vengono più. Altri invece ci provano lo stesso e se la prendono se non vengono serviti – è lo sfogo della titolare – D’altra parte, se dessimo loro anche solo una tazzina di caffé, rischiamo in caso di controllo la sanzione e la chiusura dell’attività». Verificare il green pass rafforzato al bancone comporta anche un rallentamento del ritmo di lavoro: «Si controlla il pass, se tutto è ok si prende l’ordinazione e si serve il cliente. Se invece la persona non è in regola, siamo costretti a mandarla via, spiegandone il motivo e a volte non senza averci discusso –  dice -. La fila così non è scorrevole e dunque non basta più una sola persona dietro il bancone ma ne devo chiamare un’altra a mie spese. Preferivo la chiusura a questo: lavorare con questi limiti, senza nessun aiuto ma con tutte le spese fisse e i guadagni dimezzati, non ha senso».
Negare anche solo un caffé diventa un problema per chi gestisce un’attività e non può contare su entrate fisse: «I clienti che mando via a me danno da mangiare, mantengono la mia famiglia – afferma la titolare Belardinelli -. Quel caffè che ho negato oggi per me era importante». Cosa fare? «Oggi andare a lavoro è diventato angosciante. Anche altri operatori del mio settore condividono gli stessi disagi, in primis quello di dover mandare via le persone e poi di doversi far carico di controllare il green pass che comunque spegne l’entusiasmo di chi, pur avendolo, entra al bar per rilassarsi. Perché dobbiamo essere noi i controllori, perché dal Governo hanno deciso di penalizzarci in questo modo con limitazioni che non ci permettono di svolgere il nostro lavoro tranquillamente?».

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.