"Non c'e' traccia di crescita né di rilancio: il turismo fa a botte con la crisi"

Lettera inviataci da Luisa, agenzia di viaggi Le Marmotte Ancona e Mirò Viaggi Jesi.

“Ciao a tutti con le piogge dichiariamo ufficialmente finite le vacanze…..settembre si è aperto con un po’ di novità e qualche cambiamento di scenario.

Le ferie molti non le hanno fatte, e seppur non c’e’ stato quel meritato e rigenerativo riposo, il bisogno di cambiamento e rinnovamento è una esigenza sempre più sentita dagli imprenditori, soprattutti quelli giovani!! Non c’e’ traccia di crescita, ne di rilancio e si soffre ad aspettare, per lo meno nel mio settore, il turismo fa a botte con la crisi.

La spensieratezza di una vacanza o il fascino di un viaggio è stato messo da parte rispetto alle priorità impellenti delgi italiani e un ulteriore 40% ha rinuciato ad andare in vacanza!!! 

Già l’anno scorso e quello precedente c’era stato un sensibile calo, per cui molte aziende ed agenzie turistiche ora chiudono!

Se non si sollevano le imprese e non si crea reddito, lavoro e benessere è dura la prospettiva futura per i giovani e per l’italia, quella di oggi e quella del futuro piu’ prossimo!

E’ difficile fare previsioni lontane, l’incertezza generale non ci permette di fare programmi, sembriamo tutti molto sfiduciati,  non vogliamo sentir parlare di politica, di spred, bce, monti, merkel, passera o draghi, figuriamoci di bersani berlusconi o altri personaggi della politica italiana, attori di quarta categoria del teatrino della politica.

Basta parlare di Finanza, comunicazione globale e social network, le persone ne hanno piene le scatole di immagine e comunicazione, vogliono il lavoro, quello concreto, che da salario e stipendio,  voglione vedere le produzioni, le catene di montaggio, le innovazioni tecnologiche, vogliono vedere uscire i prodotti dalle fabbriche e lavorare per avere un reddito da spendere in beni e prodotti di consumo.

Mai piu’ azioni, obbligazioni, fondi comuni privati, cooperativi, associativi ecc basta finanza ma cibo, scarpe, maglie e vestiti,  benzina, auto, elettrodomestici, mobili, libri, teatro e si tanta cultura e spero anche Viaggi.

Anche il mattone è in standby se mi azzardo a comprare qualcosa anche un garage o una cantina mi tassano tartassano e puniscono!

Non voglio sembrare pessimista ma maledettamente realista, questo è quello che mi dicono i miei clienti sbuffano indolenti basta! Basta parole sono semrpe le stesse dette da facce diverse!

Basta questo clima di terrore che ti devi sentire in colpa se vai un week end in vacanza o se dopo tanti sacrifici porti i bimbi ad eurodisneyland, intimoriti che noi agenzie comunichiamo al fisco che si sono presi una vacanza che è un bene voluttuario quindi vuol dire che sei ricco e hai fatto il “nero”!!!!

Allora ti chiedono: “ma non si potrebbe intestarla a qualcun altro magari a mio suocero o alla badante che tanto è straniera cosi’ non mi vengono a cercare….” ma chi ti viene a cercare gli squadroni fascisti che ti facevano bere l’olio di ricino? ma di che cosa stiamo parlando una famiglia di 5 persone non puo’ spendere 3601 euro per una vacanza ed ha paura delle conseguenze?

Non lavorare, non godere, non studiare, non leggere, non viaggiare, non comprare cose di valore, stai sui social network, vivi vite fittizie e avvizzisci, riempiti di cibo che costa poco e fa male, copriti con vestiti fatti dai cinesi con tinte al piombo che ti fanno venire il cancro, ai bimbi al massimo compra loro la console dove si flippano il cervello con giochi interattivi e guerre con i mostri, cosi’ non ti fanno domande perchè non hanno la curisosità di sapere e vedere, non li portare in vacanza a vedere altre culture e altre città se no capiscono che in italia si sta male, oppure che è troppo bella per lasciarla andare alla malora ma tanto non si puo fare nulla!

Stai sotto, zitto al buio e male cosi’ ti posso governare e permettetemi “fregare”!!!

Bene e adesso che facciamo???? novità?”

Luisa

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*