Non convince il Don Giovanni di Vick tra sesso e trasgressioni | | Password Magazine

Non convince il Don Giovanni di Vick tra sesso e trasgressioni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Scioccato e insoddisfatto il pubblico del “Don Giovanni” di Grahm Vick, andato in scena sabato sera con replica domenica pomeriggio al Teatro Pergolesi. Ad aprire la 47^ Stagione Lirica è stata la rappresentazione di un’opera classica riletta in chiave moderna – e questo il regista lo aveva già messo in chiaro –  il riflesso di una società immorale e senza scrupoli, avvezza ai divertimenti e agli eccessi. Soprano con mutande abbassate, simulazione di atti sessuali nonché ambientazioni da”bunga bunga” non hanno entusiasmato il pubblico estimatore del “Don Giovanni” che, pur conoscendo la dissolutezza del personaggio mozartiano, non transige sul taglio conferito al protagonista dal regista inglese, estimatore di ogni tipo di vizio fino all’esasperazione. Il Don Giovanni di Vick è un narcisista che non solo “ama” le donne ma si fa anche di eroina, serve vassoi di “polverina bianca” ai suoi festini privati, è un voyeurista che si diverte a far riprese “hard” in casa, invitando le giovani irretite a sottomettersi alle sue perversioni.

La scenografia fetish, con ambientazioni di degrado, i continui riferimenti al sesso, la donna ridotto a puro oggetto di piacere, la minimizzazione della “punizione” finale del protagonista, non chiara e di poco peso rispetto al resto della vicenda – quasi il regista volesse sorvolare su una morale che sembrerebbe parlare a vuoto –  sono elementi che non hanno lasciato indifferente il pubblico. Alcuni spettatori non hanno tardato a manifestare il proprio sdegno su facebook.  “Ho fatto fatica a non andarmene”, “restiamo senza parole, regia squallida e volgare”, sono alcuni dei commenti apparsi sui social network. Il verdetto negativo non è stato comunque totalitario: oltre a chi è rimasto indenne dalle provocazioni del Don Giovanni di Grahm Vick, a mettere d’accordo tutti è stato il talento artistico e canoro degli interpreti e l’apprezzata direzione d’orchestra affidata al venezuelano Josè Luis Gomez Rios. 

Resta da chiedersi se la polemica e lo sdegno non nascano dal senso di rifiuto di una società costretta a guardarsi allo specchio. O se un’opera teatrale, per distinguersi e far parlare di se’ – non diversamente da come avviene ormai nel cinema e nella musica –  debba far ricorso per forza all’erotismo piuttosto che ai talenti.

 

Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.